Image
cdl scienze
BIOTECNOLOGIE
Classe delle lauree in Biotecnologie
3 anni
MESSINA
Programmato
INGLESE, ITALIANO

INFO CORSO

Struttura afferente:
Scienze biomediche, odontoiatriche e delle immagini morfologiche e funzionali
Coordina:
ALESSANDRA BITTO
CFU:
180
Codice identificativo:
3262

Il piano degli studi

Anno di corso: 1
Obbligatori
Anno di corso: 2
Obbligatori
Anno di corso: 3
Obbligatori
ATTIVITA' A SCELTA (12 CFU)

Requisiti di ammissione

Titoli opzionali (a scelta tra i seguenti):
  • [TSS] - Titolo di Scuola Superiore
  • [TS] - Titolo straniero

Obiettivi formativi

Status professionale conferito dal titolo.

Biotecnologo Medico Il Corso di Studio prepara la figura professionale di biotecnologo con capacità tecniche spendibili presso Università, CNR, IRCCS, enti e imprese di ricerca, laboratori di diagnostica molecolare, agenzie di comunicazione e divulgazione scientifica nel campo medico e terapeutico. Biotecnologo Agroalimentare Aziende che si occupano di produzione e trasformazione di prodotti agro-alimentari, controllo di qualità degli alimenti. Aziende impegnate nella ricerca e sviluppo; ma anche centri di ricerca pubblici come Università e CNR. Biotecnologo Veterinario Laboratori pubblici (Istituto Superiore di Sanità, Istituti Zooprofilattici, ecc.) e privati; enti, imprese che si occupano di diagnostica sugli animali. Il laureato in Biotecnologie con competenze veterinarie ha prospettive di lavoro presso Università ed Enti di ricerca pubblici e privati, industrie farmaceutiche, veterinarie e mangimistiche.

Caratteristiche prova finale.

La prova finale consiste in una breve descrizione dell'attività sperimentale condotta dal candidato nell'ambito dell'internato di laurea condotto presso un laboratorio di ricerca di enti pubblici o privati, o nel reparto di una azienda che opera nel settore delle Biotecnologie o che si avvale di approcci di tipo biotecnologico. Nel caso in cui il lavoro di tesi sia stato condotto in una struttura esterna o in altro Ateneo, il candidato deve ottenere la disponibilità di un docente dell'università di Messina a fungere da relatore. Possono essere co-relatori le persone responsabili della struttura ospitante il candidato. Sia la redazione della tesi che la sua esposizione possono essere condotte in lingua italiana o inglese, la presentazione dell'elaborato avviene con illustrazione dei dati mediante Power Point.

Conoscenze richieste per l'accesso.

Il Corso di Laurea in Biotecnologie (L/2) è ad accesso programmato locale, pertanto l'accesso è subordinato al superamento di un esame consistente in una prova scritta, da svolgere con un questionario a risposta multipla sulle seguenti materie: Biologia, Fisica, Chimica, Matematica, Cultura generale e Logica. Per essere ammessi alla prova si richiede il possesso del titolo di scuola secondaria o altro titolo acquisito all'estero e riconosciuto idoneo. Il Corso di Laurea prevede la verifica dei risultati ottenuti nel test d'ingresso e la possibilita' di riconoscimento di debiti formativi in Biologia, Chimica, Fisica e Matematica, con conseguente assegnazione di obblighi formativi aggiuntivi da soddisfare nel primo anno di corso con modalità descritte nel regolamento didattico del corso di studio.

Titolo di studio rilasciato.

Laurea in BIOTECNOLOGIE

Obiettivi formativi specifici.

Il CdS si propone la formazione di laureati che siano in grado di inserirsi a vari livelli nei processi produttivi tipici del settore biotecnologico. La struttura multidisciplinare del percorso formativo prevede di ottenere conoscenze indirizzate verso le biotecnologie molecolari, agrarie, veterinarie o medico-farmaceutiche. In particolare il laureato in biotecnologie dovrà svolgere ruoli tecnici operativi e gestionali nelle produzioni bioindustriali e nei vari processi di trasformazione ad esse connessi. E' tuttavia evidente che la ricerca e le applicazioni in campo biotecnologico devono mirare non più solo allo sviluppo di nuovi e più efficienti prodotti, ma anche al modo come essi si possano armonizzare con le esigenze di difesa dell'ambiente e della salute umana e in genere dello sviluppo sostenibile. Infine, qualunque sia il curriculum scelto, tutti i laureati devono essere in grado di proseguire gli studi ed iscriversi alle lauree magistrali. Il Corso di Studio in Biotecnologie al termine del processo formativo, si pone come obbiettivo di formare lo studente medio in possesso di adeguata formazione iniziale, dotandolo delle seguenti conoscenze e abilità. - Adeguata conoscenza di base dei sistemi biologici, interpretati in chiave molecolare e cellulare. - Capacità tecnico e pratiche nell'utilizzo delle apparecchiature che analizzano e caratterizzano le macromolecole biologiche. - Capacità di analisi della composizione chimica degli alimenti di origine animale e vegetale (lipidi, protidi, ecc) - Capacità di allestire e mantenere colture cellulari - Conoscenze sulla registrazione di brevetti e sulla proprietà intellettuale nel campo delle biotecnologie - Conoscenza dei processi di produzione in ambito biotecnologico anche in riferimento alla green economy - Conoscenza dei processi fisiopatologici in ambito umano e animale - Conoscenze in ambito farmaceutico e farmacologico - Adeguata conoscenza della lingua inglese che consenta di scrivere e parlare nell'ambito specifico di competenza biotecnologica e scientifica in generale. Tali obbiettivi sono raggiunti attraverso le seguenti aree di apprendimento: SCIENZE FISICHE E MATEMATICHE: MAT/07; FIS /07 In questa area di apprendimento, il laureato in Biotecnologie L/2 approfondisce le sue conoscenze in matematica al fine di applicarle alla statistica e alla bioinformatica; di fisica, intesa come bio-fisica per la comprensione delle leggi fisiche che intervengono nei processi biologici DISCIPLINE CHIMICO-BIOCHIMICHE: CHIM/01; CHIM/03; CHIM/06; CHIM/10; CHIM/11; BIO/10 In questa area di apprendimento, lo studente acquisisce le conoscenze di base di Chimica generale e inorganica, della chimica organica, la biochimica, la chimica degli alimenti e delle fermentazioni; informazioni che saranno fondamentali per la loro comprensione dei processi biologici e di trasformazione delle macromolecole, della trasformazione degli alimenti, di funzionalizzazione degli alimenti stessi e dei nutraceutici. DISCIPLINE BIOLOGICHE: BIO/09, BIO/10, BIO/11, BIO/13, BIO/16, BIO/17, BIO/19, MED/07 In questa area di apprendimento, gli studenti acquisiscono un adeguata conoscenza di base dei sistemi biologici, interpretati in chiave molecolare e cellulare; dei microorganismi, ma anche degli eucarioti, delle strutture cellulari e tissutali. Inoltre acquisiscono informazioni relative alla fisiologia, all'anatomia, ma soprattutto alla biologia molecolare e le tecnologie da essa derivate. AREA FARMACOLOGICO-FARMACEUTICA: BIO/14, BIO/15 CHIM/08, CHIM/09 In questa area di apprendimento gli studenti imparano la struttura e l'attività delle principali classi di farmaci ed il loro meccanismo molecolare di azione, nonchè il processo di identificazione di molecole farmacologicamente attive e di realizzazione di farmaci biotecnologici; imparano a conoscere le piante medicinali e la produzione di composti bioattivi di interesse farmaceutico. AREA SANITARIA-DIAGNOSTICA BIO/12, MED/04, MED/08 Imparano a valutare i marcatori molecolari dei processi fisiopatologici più importanti, a comprendere il carattere predittivo, oltre che diagnostico, delle analisi del laboratorio; acquisiscono conoscenze dei principali meccanismi patogenetici, delle principali alterazioni morfologiche tissutali dell'uomo e delle basi molecolari delle malattie genetiche per poterle applicare nell'area della diagnostica e della ricerca. AREA VETERINARIA: VET/01, VET/02, VET/03 Acquisiscono conoscenze dell'anatomia, fisiologia e patologia degli animali, con particolare riferimento ad animali di uso comune nella sperimentazione ed eventuali riferimenti di tipo normativo.

Descrittori di Dublino: I - Conoscenza e capacità di comprensione

I laureati posseggono adeguata conoscenza di base dei sistemi biologici, interpretati in chiave molecolare e cellulare. - Capacità tecnico-pratiche nell'utilizzo delle apparecchiature che analizzano e caratterizzano le macromolecole biologiche, quali ad esempio strumenti per elettroforesi, per amplificazione e sequenziamento di acidi nucleici, HPLC, spettrometro di massa ecc. - Capacità di analisi della composizione chimica degli alimenti di origine animale e vegetale (lipidi, protidi, ecc) - Capacità nell'allestimento di colture cellulari - Conoscenze sulla registrazione di brevetti e sulla proprietà intellettuale nel campo delle biotecnologie. La conoscenza della lingua inglese che consenta loro di scrivere, di parlare l'inglese, nell'ambito specifico di competenza biotecnologica e scientifica in generale. L'acquisizione di tali conoscenze e capacità avvengono tramite lezioni frontali , didattica in laboratorio, l'uso di libri aggiornati, testi online e attività seminariale. Le conoscenze per ogni insegnamento sono monitorate con verifiche in itinere tenute durante il corso di insegnamento, e con una prova finale orale. Le prove in itinere possono essere scritte, orali o mediante discussioni collegiali sui temi trattati durante le lezioni precedenti. Con tali conoscenze e capacità di comprensione nell'ambito biologico-terapeutico, agroalimentare, chimico- farmaceutico e veterinario, i laureati sono in grado di accedere a percorsi di formazione superiori, ma anche di applicare le conoscenze ottenute in ruoli tecnici presso strutture pubbliche o private.

II - Capacità di applicare conoscenza e comprensione

Gli studenti acquisiscono la capacità di applicare le conoscenze attraverso lo studio in libri avanzati contenenti procedure sperimentali e attraverso le diverse attività in laboratorio. Le competenze e le argomentazioni sono sviluppate attraverso le attività di laboratorio che prevedono, tra le altre attività , anche la compilazione di protocolli sperimentali in ambito-biomedico, farmacologico, alimentare. In generale la padronanza delle procedure e la capacità critica necessaria per risolvere problemi nel campo specifico, vengono testate durante il percorso formativo e in maniera conclusiva e generale durante il tirocinio che si svolge prima dell' elaborazione della tesi.

III - Autonomia di giudizio

Il laureato in Biotecnologie, è capace di raccogliere ed interpretare dati scientifici derivati dall'osservazione effettuate durante l'esperimento; E' capace di lavorare in modo autonomo ed eseguire dei protocolli sperimentali; L'autonomia di giudizio viene sviluppata sia tramite le esercitazioni di laboratorio, svolte in maniera autonoma in diversi insegnamenti che per il tramite di elaborati individuali previsti come prove in itinere per ciascun insegnamento .Infine la prova orale conclusiva alla fine di ogni Corso consente di valutare se lo studente sia in grado di esprimere giudizi autonomi e riflessioni su temi scientifici.

IV - Abilità comunicative

Il laureato ha la capacità di esporre e discutere, sia oralmente che attraverso un elaborato scritto, i risultati del proprio lavoro. Lo stesso vale per la comunicazione in lingua inglese, L'abilità comunicativa e la capacità di sintesi vengono sviluppate gradualmente attraverso le prove finali, quasi tutti orali e le discussione collegiali tenute all'inizio di ciascuna lezione in quasi tutti i moduli di insegnamento.

Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione.

ITALIANO, INGLESE

V - Capacità di apprendimento

Il laureato della classe L-2 ha sviluppato quelle capacità di apprendimento che gli consente di continuare a studiare e acquisire ulteriori competenze tramite successivi percorsi di formazione secondarie, quali master, corsi di laurea magistrale. La capacità di apprendimento è consolidata dalle verifiche in itinere e dalle attività in laboratorio.

Competenze associate alla funzione.

Biotecnologo Medico Le competenze acquisite sono spendibili in differenti ambiti applicativi delle Biotecnologie, oltre che nella ricerca di base e applicata. In particolare i settori interessati sono: - biotecnologico farmaceutico; - biotecnologico nutraceutico; - biotecnologico medico; - biotecnologico vegetale; - biotecnologico veterinario; - analisi diagnostiche; - valutazione e/o compilazione di brevetti; - analisi controllo qualità - specialist per aziende di strumentazione scientifica e/o prodotti per la ricerca scientifica - clinical research associate presso aziende pubbliche o private . Biotecnologo Agroalimentare Le competenze acquisite permettono al biotecnologo di poter effettuare analisi degli alimenti con particolare riferimento agli aspetti dell' igiene, della sicurezza e della salubrità. Biotecnologo Veterinario Ruolo tecnico - operativo presso enti (istituto zooprofilattico), aziende o laboratori che si occupano di caratterizzazione genetica, diagnostica e trattamento di patologie animali.

Funzione in contesto di lavoro.

Biotecnologo Medico Il biotecnologo dovrà eseguire analisi di tipo molecolare, ma anche biochimico e tossicologico per integrarsi nei laboratori di analisi del settore farmaceutico, biomedico, agro-alimentare, ambientale, della ricerca e dell'industria del farmaco. Il biotecnologo è in grado di realizzare un disegno sperimentale di studio nell'ambito farmaco-tossicologico e della biologia molecolare. Inoltre è in grado di svolgere attività di marketing relativa a un prodotto o ad una linea di prodotti biotecnologici. E' in grado di fornire consulenze sulla registrazione di brevetti e sulla proprietà intellettuale nel campo delle biotecnologie. Biotecnologo Agroalimentare Il biotecnologo avrà la capacità di gestione dell'attività di laboratorio, dall'analisi del campione all'elaborazione e l'interpretazione dei dati analitici. Inoltre potrà effettuare le analisi dei prodotti alimentari, il controllo di qualità e sicurezza delle materie prime alimentari e dei prodotti finiti. Il laureato potrà anche occuparsi di attività di promozione e sviluppo dell'innovazione scientifica e tecnologica in settori come quello della gestione e del riciclo degli scarti agro-industriali. Biotecnologo Veterinario Le funzioni del biotecnologo in ambito veterinario riguardano la caratterizzazione di genotipi e/o markers per poter selezionare le razze animali e/o per la riproduzione in vitro. Il biotecnologo veterinario può inoltre trovare impiego come assistente presso il medico veterinario per il perfezionamento di metodologie di trapianto di organi, tessuti animali e bioprotesi.