Image
biologia
BIOLOGIA DELLA SALUTE DELLE TECNOLOGIE APPLICATE E DELLA NUTRIZIONE
Classe delle lauree magistrali in Biologia
2 anni
MESSINA
Libero
ITALIANO

Il corso di laurea si presenta

Il Corso di Laurea Magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione ha come obiettivo la formazione di laureati con una preparazione avanzata ed operativa nell'ambito delle scienze biomediche, nei settori delle tecnologie applicate e della nutrizione, coniugate con un'approfondita preparazione scientifica ed operativa nelle discipline che lo caratterizzano.
La struttura del Corso di Laurea, che prevede il primo anno comune e il secondo anno articolato in curricula, è stata definita in funzione dei possibili ambiti occupazionali e vuole rispondere alla domanda di formazione presente sia a livello locale che Nazionale. Nel piano di studi sono previsti moduli coordinati, nei quali convergono diverse competenze specialistiche concernenti i curricula. Tra le attività formative liberamente scelte dallo studente è consigliato lo svolgimento di un tirocinio formativo presso laboratori dell'Ateneo o presso idonee strutture esterne pubbliche o private convenzionate con l'Ateneo stesso.

INFO CORSO

Struttura afferente:
Scienze chimiche, biologiche, farmaceutiche ed ambientali
Coordina:
ANGELA MARINO
CFU:
120
Codice identificativo:
9236

Il piano degli studi

Anno di corso: 1
Obbligatori
Anno di corso: 2
Obbligatori
UNA MATERIA A SCELTA TRA (12 CFU)
A SCELTA (12 CFU)

Requisiti di ammissione

Titoli opzionali (a scelta tra i seguenti):
  • [L2] - Laurea di Primo Livello
  • [TSS] - Titolo di Scuola Superiore
  • [TS] - Titolo straniero
  • [L1] - Laurea
  • [TSS] - Titolo di Scuola Superiore

Obiettivi formativi

Status professionale conferito dal titolo.

BIOLOGO. Il Corso di Studio in Biologia prepara laureati in grado di svolgere attività professionali riconosciute dalle normative vigenti come competenze della figura professionale del biologo (Sez A dell'albo professionale) e in tutti gli specifici campi di applicazione come riportato nel comma 1 dell'art. 31 del DPR 328 5 giugno 2001, (suppl. GU 190 17 giugno 2001) e nella legge 396 del 24.5.1967 sull'ordinamento della professione del biologo. I principali sbocchi occupazionali previsti dal Corso di Laurea magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione sono quelli di seguito esposti e che comunque non esauriscono il quadro del potenziale mercato del lavoro, e si riferiscono a: -Attività professionale in laboratori pubblici e privati di analisi biologiche farmaco-tossicologiche, biochimiche, microbiologiche, genetiche e citologiche. -Attività rivolte all'innovazione scientifica e tecnologica, nonché di gestione e progettazione delle tecnologie molecolari; alle metodologie bioinformatiche; alla conoscenza integrata degli organismi vegetali, dei microrganismi, dell'ambiente; allo studio e alla comprensione dei fenomeni biologici a livello molecolare e cellulare. -Attività professionali autonome negli ambiti della nutrizione e della sicurezza alimentare; alle applicazioni biologiche e biochimiche in campo industriale. I laureati magistrali in possesso dei requisiti previsti dalla normativa vigente potranno inoltre partecipare alle prove d'accesso ai percorsi di formazione del personale docente per le scuole secondarie di primo e secondo grado. Il laureato magistrale potrà altresì: - accedere, previo concorso, ai corsi di dottorato di ricerca - accedere, previo concorso, alle scuole di specializzazione

Caratteristiche prova finale.

La prova finale prevede un periodo di attività sperimentale inerente ad argomenti coerenti con il percorso formativo del corso di laurea magistrale, da svolgersi presso un laboratorio universitario o di ente esterno pubblico o privato convenzionato con l'Università. La prova finale si conclude con una discussione in seduta pubblica della tesi a carattere sperimentale, che apporti un contributo originale, ed elaborata sotto la guida di un Docente relatore. L'elaborato finale riporta i risultati conseguiti durante lo svolgimento dell'attività sperimentale. Tale attività contribuisce alla formazione del biologo, completando le conoscenze acquisite durante il corso degli studi con la finalità di sviluppare capacità critica nell'analisi e nella valutazione dei dati sperimentali, come anche l’abilità nelle pratiche sperimentali relative alla ricerca biologica applicata al campo biosanitario, nutrizionistico, tecnologico-molecolare e microbiologico.

Conoscenze richieste per l'accesso.

Premesso che il Corso di Laurea Magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione non è a numero programmato, per poter accedere al Corso di Laurea lo studente dovrà dimostrare di aver acquisito le conoscenze proprie della laurea triennale della classe L-13 (ovvero della classe 12 ex D.M. 509) o, se proveniente da altre classi di laurea il possesso di requisiti curriculari è determinato dall'aver acquisito complessivamente non meno di 60 CFU nei settori scientifico-disciplinari (S.S.D.) BIO/01, BIO/02; BIO/04; BIO/05; BIO/06; BIO/07; BIO/09; BIO/10; BIO/11; BIO/18; BIO/19; e nei settori - FIS/01-08, MAT/01-09: almeno CFU almeno 12; - CHIM/01-03 e CHIM/06: CFU almeno 12. L'accesso al Corso di Laurea, avviene mediante un colloquio. L'adeguatezza della preparazione dei candidati è verificata mediante una apposita commissione nominata annualmente, costituita da Docenti del Corso di Laurea. La verifica si intende superata per gli studenti in possesso di una laurea triennale della classe L-13 (ovvero della classe 12 ex D.M. 509) secondo le modalità riportate nel Regolamento Didattico di Ateneo.

Obiettivi formativi specifici.

Il corso Magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione ha come obiettivo formativo la preparazione di laureati che, oltre ad avere una solida preparazione culturale nella biologia di base in tutti i suoi aspetti, e nei diversi settori della biologia applicata è corredata dalle conoscenze relative all'ambito sanitario, alla biologia degli alimenti e della nutrizione, alle tecnologie molecolari e alla microbiologia applicata. Il corso prevede un percorso comune al primo anno, in cui sono fornite agli studenti le conoscenze e le competenze fondamentali comuni agli ambiti di apprendimento considerati. Nel secondo anno è prevista una articolazione in curricula in cui saranno declinate specifiche conoscenze professionalizzanti riguardanti settori specifici e legati agli ambiti di riferimento. Gli obiettivi formativi specifici del corso consistono nell'offrire allo studente l'opportunità di acquisire competenze negli ambiti: -Biologico-sanitario (diagnostico e analitico, competenze laboratoriali proprie del settore bio-medico e sanitario) -Tecnologico molecolare e Microbiologico (applicazione di metodologie genetiche e molecolari; utilizzo di agenti microbici nell'ambito tecnologico applicativo etc) -Biologico-nutrizionistico (qualità degli alimenti, fisiologia della nutrizione, alimenti funzionali e processi biochimici) Il percorso formativo fornisce gli strumenti concettuali e tecnici per consentire ai laureati di acquisire le conoscenze avanzate e la preparazione teorico-pratica necessaria a operare ad ogni livello nelle attività applicative e scientifiche riguardanti le tecnologie biomediche, cellulari, farmacologiche, dell'ambiente e della microbiologia applicata in genere. Il dottore magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione acquisisce competenze che danno accesso a differenti sbocchi occupazionali che riguardano: applicazione di metodologie genetiche e molecolari; identificazione di agenti microbici; analisi biologiche, farmacologiche, citotossicologiche e microbiologiche; controllo di qualità in prodotti di origine biologica; valutazione di impatto ambientale. La didattica verrà articolata in lezioni frontali ed in esercitazioni, seminari e attività di laboratorio. Inoltre, una parte dell'impegno dello studente, distribuito nei due anni di corso, è focalizzato allo svolgimento del tirocinio e della prova finale che prevede una ricerca originale sulle tematiche della biologia, in ambito di base o applicativo. Durante il lavoro di tesi il laureando si inserisce in un gruppo di ricerca partecipando attivamente al lavoro sperimentale in un laboratorio; sono inoltre previsti 4 CFU di abilità linguistica (Inglese) quali ulteriori conoscenze linguistiche. Il Corso magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione, sulla base delle conoscenze acquisite, può ricoprire posizioni di responsabilità sia in ambito pubblico che privato; avere le basi culturali per accedere (previo concorso) a Scuole di Specializzazione Biosanitarie riconosciute dal Ministero della Salute (ad. es. Patologia clinica, Farmacologia Clinica, Biochimica clinica, Microbiologia), necessarie per la carriera dirigenziale in ambito laboratoristico e biosanitario sia pubblico che privato, a corsi di Dottorato di Ricerca in campo biomedico (ad. es. Biologia Applicata e Medicina Sperimentale, Patologia sperimentale e molecolare, Medicina molecolare) ed a Masters di II livello. Per le finalità formative che qualificano il corso di studio, si fa riferimento ai principi dell'armonizzazione Europea che sollecitano la rispondenza delle competenze in uscita dei laureati nel Corso di Laurea, rispondendo cosi agli specifici requisiti individuati dal sistema dei Descrittori di Dublino secondo la Tabella Tuning predisposta a livello nazionale (Collegio CBUI) per la classe LM-6.

Descrittori di Dublino: I - Conoscenza e capacità di comprensione

I laureati magistrali in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione acquisiranno conoscenze fondamentali sulla fisiologia degli apparati e del sistema nervoso, conoscenze all'avanguardia nelle discipline fisiopatologiche e patologiche, microbiologiche e farmacologiche che allargano l'apprendimento di informazioni riguardanti l'ambito umano. Approfondiranno all'interno dei curricula specifiche competenze che riguardano tecnologie biomediche molecolari, microbiologiche e della nutrizione umana. Conosceranno l'anatomia funzionale utile alla comprensione della fisiologa della nutrizione, gli elementi di base relativi al ruolo biochimico e nutrizionale dei macro, micronutrienti, le modificazioni legate ai processi di trasformazione e conservazione degli alimenti e le basi molecolari e cellulari dei principali disturbi metabolici. Le conoscenze e capacità di comprensione saranno raggiunte, attraverso le attività comuni previste nei diversi insegnamenti quali lezioni, laboratori, partecipazione a seminari, discussione metodologica di articoli scientifici, che permettono l'esecuzione individuale di protocolli sperimentali oltre allo studio personale. Inoltre, saranno in grado di: - selezionare informazioni disponibili e valutarne l'attendibilità ai fini di un aggiornamento continuo delle conoscenze; - elaborare, presentare relazioni scritte e/o orali durante i corsi (prove in itinere) sia in italiano o eventualmente anche in lingua inglese; La verifica del raggiungimento dei risultati di apprendimento avviene principalmente attraverso esami orali e/o scritti, prove in itinere, relazioni sulle attività di laboratorio. Le scelte metodologiche di erogazione della didattica, il confronto con i docenti durante le lezioni frontali e del lavoro di laboratorio, come anche l'attività di tirocinio, forniranno allo studente la possibilità di accrescere le proprie conoscenze e di sviluppare la propria capacità di comprensione.

II - Capacità di applicare conoscenza e comprensione

I laureati magistrali in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione avranno la capacità di affrontare e risolvere problemi nell'ambito della ricerca biomedica, tecnologica-microbiologica e della nutrizione grazie alla padronanza d'uso di un approccio multisciplinare acquisito durante il percorso formativo. I laureati acquisiranno competenze laboratoriali proprie del settore bio-medico, sanitario e farmacologico attraverso le attività formative dell’ambito Biologico-sanitario; competenze su metodologie genetiche e molecolari, sulla metabolomica ambientale, l'utilizzo di agenti microbici nell'ambito tecnologico applicativo e nanotecnologico attraverso le attività formative dell’ambito Tecnologico molecolare e Microbiologico; competenze sulla qualità degli alimenti, sulla fisiologia della nutrizione sugli alimenti funzionali e processi biochimici attraverso le attività formative dell’ambito Biologico-nutrizionistico. I risultati in termini di capacità di applicare conoscenza e comprensione saranno conseguiti soprattutto grazie alle attività di laboratorio e alle esercitazioni pratiche durante le quali lo studente svolgerà, in maniera individuale o secondo dinamiche di gruppo, l'attività proposta. In particolare, il lavoro di gruppo stimolerà la capacità di lavoro sinergico e il senso di responsabilità personale e collettiva. L'impegno dello studente prevede per ogni insegnamento CFU dedicati ad esercitazioni di laboratorio nonché lo svolgimento del tirocinio e della prova finale che consiste in una ricerca originale sulle tematiche della biologia, in ambito di base o applicativo. L'applicazione di conoscenza e comprensione sarà inoltre supportata da: -uso di strumenti necessari per l'accesso ed utilizzo della letteratura scientifica in inglese e delle banche dati i.e genomiche, molecolari e strutturali etc; -partecipazione attiva, in qualità di relatore, ad attività seminariale, journal club al fine di maturare far maturare autonomia di studio e gestione dello sviluppo delle tecnologie e delle loro applicazioni in campo biomedico, diagnostico, microbiologico, fisiologico, farmacologico, nutrizionistico; Il laureato magistrale svilupperà, inoltre, le capacità professionali richieste per l'inserimento nel mondo del lavoro. In particolare saprà applicare le tecniche di laboratorio clinico, microbiologico e, grazie all'acquisizione delle nozioni fondamentali per la valutazione critica, sarà in grado di interpretare, per quanto di competenza, i risultati delle principali indagini diagnostiche; acquisirà gli strumenti per l'analisi di dati biochimici e metabolici in vivo; possiederà competenze sui principi fondamentali che regolano lo sviluppo del farmaco e sarà in grado di pianificare progetti di sviluppo di farmaci innovativi. Possiederà nozioni di base sulle tecniche statistiche e bioinformatiche applicate alla biologia. Possiederà le conoscenze riguardanti il controllo e la certificazione di qualità degli alimenti e delle metodologie molecolari avanzate. Tali capacità saranno acquisite mediante le attività formative teorico-pratiche comuni nel primo anno, e in modo specifico nei percorsi curriculari previsti al secondo anno, come anche mediante attività connesse alla preparazione della tesi di laurea. Verranno messe a disposizione dello studente le strumentazioni per affrontare le varie fasi della sperimentazione e discutere e rielaborare autonomamente i risultati ottenuti. L'obiettivo di avvicinare lo studente al mondo del lavoro verrà anche perseguito favorendo periodi di attività per la preparazione della tesi sperimentale presso enti e strutture esterne rappresentative degli ambiti di interesse per l'inserimento di neo-laureati. La verifica dei risultati conseguiti verrà effettuata con gli esami di profitto, con il colloquio di verifica dell'attività svolta durante il tirocinio e con l'esame finale.

III - Autonomia di giudizio

L'autonomia di giudizio sarà acquisita mediante la responsabilità di progetti, in particolare con la progettazione della di tesi magistrale di tipo sperimentale; con una valutazione attenta di dati scientifici in letteratura; Con la conoscenza delle norme di sicurezza in laboratorio (schede di sicurezza, regolamenti e legislazione); Il raggiungimento degli obiettivi formativi specifici per ciascuna unità didattica sarà verificato, oltre che tramite le previste prove d'esame, relazioni e prova finale, anche con la partecipazione dello studente ad attività di gruppo, quali journal club, report scientifici e dibattiti tematici su problematiche di attualità.

IV - Abilità comunicative

Il laureato magistrale avrà acquisito padronanza nell'approccio e approfondimento mediante ricerca bibliografica e su banca dati di tematiche in ambito biomedico, microbiologico, farmacologico, tecnologico applicato, fisiologico e della nutrizione. Maturerà capacità di lettura, comprensione e condivisione in gruppo dei contenuti di lavori scientifici riguardanti tematiche attinenti le suddette discipline. Imparerà a presentare in modo chiaro ed inequivocabile contenuti scientifici, a relazionare sui dati acquisiti durante la realizzazione di esperienze di laboratorio, a programmare attività sperimentali, a proporre eventuali aggiornamenti sulle proposte inizialmente presentate, ad interagire con gli altri componenti del gruppo di lavoro con senso di responsabilità e determinazione nel raggiungimento degli obiettivi prefissati. Il raggiungimento di questi obiettivi sarà conseguito e verificato mediante: 1) Partecipazione attiva (in qualità di relatore) ad attività seminariale, journal club etc; 2) Elaborazione, stesura e presentazione di relazioni scritte e/o orali durante i corsi sia in italiano o eventualmente anche in lingua inglese; 3) Presentazione di dati parziali acquisiti durante la preparazione dell'elaborato finale a carattere sperimentale; 4) Prove d'esame; 5) Prova finale, dove allo studente è richiesta l'acquisizione di abilità espositive e comunicative e un'adeguata proprietà di linguaggio. Sarà ammessa, su richiesta dello studente, la stesura dell'elaborato finale (tesi magistrale) in una lingua europea diversa dall'italiano.

Lingua/e ufficiali di insegnamento e di accertamento della preparazione.

ITALIANO

V - Capacità di apprendimento

La verifica del raggiungimento delle capacità di apprendimento è oggetto delle diverse prove d'esame previste nel percorso formativo come anche nell'ambito delle attività di tirocinio e della prova finale. In particolare il laureato in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione sarà capace: 1) di lavorare in modo autonomo e aggiornarsi adeguatamente in relazione allo sviluppo delle tecnologie scientifiche innovative proprie della Biologia; 2) di elaborare strategie sperimentali e progetti di ricerca inerenti il proprio ambito; 3) di valutare criticamente i risultati delle attività sperimentali svolte 4) di valutare criticamente i risultati scientifici prodotti da gruppi di ricerca pubblicati su riviste scientifiche, o presentati nell'ambito di simposi, meeting nazionali ed internazionali etc.

Competenze associate alla funzione.

BIOLOGO. Il Corso di Studio in Biologia prepara laureati in grado di svolgere attività professionali riconosciute dalle normative vigenti come competenze della figura professionale del biologo (Sez A dell'albo professionale) e in tutti gli specifici campi di applicazione come riportato nel comma 1 dell'art. 31 del DPR 328 5 giugno 2001, (suppl. GU 190 17 giugno 2001) e nella legge 396 del 24.5.1967 sull'ordinamento della professione del biologo. Le principali competenze tecniche acquisite si riferiscono alla capacità di svolgere in piena autonomia analisi: analisi quantitative e qualitative di macromolecole biologiche, coltivazione e manipolazione di cellule eucariote e di procarioti, analisi bioinformatiche, analisi morfologiche e funzionali in sistemi biologici in condizioni fisiologiche e patologiche. Competenze integrate nei settori biomedico, tecnologico-molecolare della biodiversità e nutrizionistico; Il Laureato magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione sarà in grado di applicare le competenze acquisite in maniera flessibile nei diversi contesti lavorativi

Funzione in contesto di lavoro.

BIOLOGO. Il Corso di Studio in Biologia prepara laureati in grado di svolgere attività professionali riconosciute dalle normative vigenti come competenze della figura professionale del biologo (Sez A dell'albo professionale) e in tutti gli specifici campi di applicazione come riportato nel comma 1 dell'art. 31 del DPR 328 5 giugno 2001, (suppl. GU 190 17 giugno 2001) e nella legge 396 del 24.5.1967 sull'ordinamento della professione del biologo. Il Corso di Studio in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione prepara laureati in grado di svolgere attività professionali riconosciute dalle normative vigenti come competenze della figura professionale del biologo (Sez. A dell'albo professionale) e in tutti gli specifici campi di applicazione come riportato nel comma 1 dell'art. 31 del DPR 328 del 5 giugno 2001, (suppl. GU 190 17 giugno 2001) e nella legge 396 del 24.5.1967 sull'ordinamento della professione del biologo. L'iscrizione all'Albo per la professione di biologo, sezione A, è subordinata al superamento del relativo esame di stato. Il laureato magistrale in Biologia della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione sarà in grado di applicare competenze teoriche multidisciplinari in attività di ricerca, di base o applicata, e in attività produttive o di servizio. In particolare nei settori biomedico e neurobiologico, tecnologico-molecolare, microbiologico e nutrizionistico. Sarà in grado di applicare le conoscenze in attività professionali che implicano l'uso di metodologie avanzate negli ambiti della Salute delle Tecnologie applicate e della Nutrizione. Avrà prospettive di occupazione con funzioni di responsabilità nei seguenti settori: ricerca di base e applicata in biologia; attività professionale e/o di consulenza presso enti pubblici e privati; attività nella diagnostica in campo genetico, microbiologico, istopatologico, biochimico, cellulare, biomolecolare e nutrizionistico presso laboratori ed Unità Operative di Igiene e Sanità Pubblica, Enti di prevenzione, nell'Industria farmaceutica e nella ricerca Universitaria; attività nella comunicazione scientifica specializzata e nella diffusione dell'innovazione scientifica e tecnologica.