EMERGENZA COVID-19

EMERGENZA COVID-19 - GESTIONE MOBILITA' ERASMUS+
Le presenti Frequently Asked Questions (FAQ) sono state redatte sulle base delle indicazioni fornite dall’Agenzia Nazionale Erasmus+/Indire (AN) e sono suscettibili di aggiornamenti e di eventuali modifiche in caso di ulteriori comunicazioni. Ultimo aggiornamento 03 Novembre 2020.

A seguito delle indicazioni ricevute dal CRUS (Comitato Regionale Universitario della Sicilia) gli spostamenti relativi al programma Erasmus e a tutti i programmi di mobilità internazionale sono sospesi per docenti, studenti e personale TA degli Atenei siciliani, fatti salvi i casi di percorsi già avviati; le Università siciliane rimangono disponibili, in presenza di richieste pervenute da Atenei stranieri, nel rispetto delle direttive dell’agenzia Erasmus, di accogliere studenti che possano frequentare in modalità da remoto. Sono altresì sospesi i tirocini curriculari e post curriculari fuori Regione e all’estero.

Le FAQ contengono:

  1. Le informazioni relative alla gestione della mobilità erasmus+ (mobilità Europea) per attività di studio e tirocinio a.a. 20/21.
  2. Le informazioni relative alla gestione della mobilità extra Europea (Erasmus+ KA 107 – Students Around the World)
  3. Le informazioni relative alla gestione della mobilità erasmus+ (Europee ed Extra Europee) per attività di studio e per attività di tirocinio (CALL 2019 - a.a. 2019/2020) sia sotto il profilo del riconoscimento delle attività didattiche sia sotto il profilo degli aspetti finanziari. Situazioni particolari che non dovessero rientrare tra quelle summenzionate saranno valutate caso per caso ed eventualmente sottoposte all’Agenzia Nazionale Erasmus. L'approccio di UNIME è quello di garantire – nel rispetto le indicazioni dell’Agenzia - sia il mantenimento, fisico o virtuale, della mobilità, sia il rispetto del piano di studi cercando di trovare la soluzione più favorevole allo studente. Si ricorda che è importante comunicare agli Uffici competenti di UniME e alla Sede ospitante la propria decisione di tornare/essere già ritornati a Messina e seguire le attività didattiche/tirocinio a distanza.

Data la rapidità con cui continua a diffondersi la pandemia da Covid-19, gli studenti in mobilità internazionale sono invitati ad iscriversi sul sito del MAECI gestito dall'Unità di Crisi “Dove siamo nel mondo” (https://www.dovesiamonelmondo.it/public/cultura), indicando chiaramente i dati richiesti: nominativi, città/paese, università di destinazione, recapiti aggiornati e periodo di permanenza.
E’ parimenti opportuno che ciascuno scarichi l’App “Unità di Crisi” per ricevere notifiche durante i transiti nelle aree più a rischio e aggiornamenti in tempo reale su eventuali situazioni di pericolo, ovunque nel mondo queste si verifichino.
Vi invitiamo a consultare il sito dell'Ambasciata Italiana del paese in cui vi trovate, dove troverete tutti gli aggiornamenti riguardanti lo stato di emergenza Covid 19.

Gli studenti beneficiari di borse di mobilità internazionale Erasmus+ devono attenersi alle disposizioni contenute nei DPCM nazionali adottati per il contenimento del contagio da COVID-19
Venerdì 29 maggio si è svolto il webinar "#IoRestoErasmus: UNIME incontra gli studenti beneficiari di borsa di studio erasmus+"
Durante il webinar sono state fornite informazioni operative per la predisposizione della mobilità internazionale per la.a. 2020/2021, anche alla luce delle recenti indicazioni dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ in relazione all’emergenza sanitaria da Covid-19. Gli argomenti discussi sono stati inseriti nelle FAQ di seguito riportate.

Al momento gli uffici sono chiusi, ma regolarmente operativi. Per informazioni è possibile essere contattati per email o per telefono.

Mobilità Erasmus+ Europee (KA103)
U. op. mobilità per studio
erasmus@unime.it
Tel. 090 676-8349/8541/8532
U. op. mobilità per tirocinio
traineeship@unime.it
Tel. 676-8358/8567/8532
Mobilità Erasmus+ Extra Europee (KA107)
U.op. Cooperazione e didattica internazionale
Tel. 090 676-8539/8533
erasmusicm@unime.it

Informazioni generali
Gli studenti che si accingono a svolgere un periodo di mobilità al'estero sono invitati a tenersi costantemente in contatto con gli Uffici dell'Università ospitante per avere informazioni sia sull'andamento della situazione epidemiologica sia sulle modalità di svolgimento delle attività didattiche (vedi domanda 2). Si suggerisce di tenersi costantemente aggiornati sull'andamento della situazione epidemiologica del Paese in cui svolgerai la mobilità anche attraverso le specifiche sezioni dedicate all'emergenza COVID-19 che le autorità Diplomatiche e Consolari italiane all’estero hanno istituito nelle rispettive pagine-web
Si consiglia di seguire anche le indicazioni presenti nella Sezione “Viaggiare Sicuri” dell’Unità di Crisi della Farnesina disponibili on-line.

Link utili
Conferenza dei Rettori delle Università Italiane - indicazioni su COVID-19
Emergenza COVID-19: informazioni dalle Ambasciate e dai Consolati
Decreto #IoRestoaCasa, domande frequenti sulle misure adottate dal Governo
Indicazioni dell’Agenzia Erasmus+ Indire per la gestione dell’emergenza Covid-19 
 
Gestione della mobilità erasmus+ (mobilità Europea) per attività di studio e tirocinio a.a. 20/21.

Domanda 1
Lo studente beneficiario di borsa di mobilità erasmus+ a.a. 2020/2021, potrà effettuare la mobilità?
Si, allo stato attuale per le mobilità che si terranno a partire da settembre 2020 non sono previste delle sospensioni/rinvii. L’effettiva possibilità di svolgere tali mobilità dipenderà sia dalla situazione a livello nazionale e dell’adozione di nuove disposizioni da parte del governo e dalla situazione a livello locale presso la Sede estera.

Domanda 2
In quali modalità potrà essere svolta la mobilità erasmus (in Europa)?
La tipologia di mobilità dipenderà dalla disponibilità delle singole Istituzioni Estere ospitanti, ma dovrà essere comunicata, prima della partenza, all’U.Op mobilità per studio/tirocinio e terrà conto delle direttive dello Stato italiano, delle eventuali restrizioni alla circolazione e delle garanzie in materia di sicurezza fornite dall’Istituzione di destinazione e più in generale dello Stato Estero di destinazione.
In particolare, le mobilità potranno assumere le seguenti forme:

  1. Nel caso in cui l’Università partner preveda la didattica in modalità in presenza (stabilendo, eventualmente, anche forme di erogazione della didattica in modalità mista e/o con turnazioni), la mobilità fisica sarà consentita nel primo semestre a condizione che lo studente, consapevole del possibile rischio di una nuova fase della pandemia Covid-19, compili, prima della mobilità il modulo disponibile on-line (Liberatoria) con cui si impegna ad adottare tutte le misure, anche in conformità alle raccomandazioni e alle istruzioni dell’OMS e dell’autorità sanitaria nazionale, atte a prevenire la diffusione del Coronavirus e a esonerare l’Università di Messina da ogni responsabilità connessa agli eventuali imprevisti legati all’interruzione/annullamento della mobilità per ragioni legate all’emergenza Covid-19.
  2. Nel caso in cui non sia possibile attuare la mobilità fisica già dal primo semestre, i beneficiari potranno avviare attività di mobilità in modalità virtuale e fisica (c.d. Blended). Le attività inizieranno in remoto e dovranno essere poi combinate con una componente di mobilità fisica all’estero, nel momento in cui questo sarà nuovamente possibile. Nel caso in cui il perdurare delle restrizioni dovute all’emergenza epidemiologica non consenta ai partecipanti di completare la mobilità con un periodo di attività fisica all’estero, sarà ritenuto eleggibile anche un intero periodo di mobilità virtuale.

 
Domanda 3
Le attività svolte in mobilità saranno sempre riconosciute?
 Si, tutte le attività svolte nel periodo di mobilità sia virtuale che fisica saranno riconosciute mediante l’attribuzione di crediti ECTS, previa approvazione del relativo Learning Agreement che dovrà riportare l’indicazione sulla moda modalità di svolgimento dell’attività didattica in modo da consentire una valutazione adeguata delle attività da parte dei referenti per la mobilità internazionale dei Corsi di Studio.
 
Domanda 4
A seconda della tipologia di mobilità, la borsa erasmus subirà variazioni?
Si. Come precisato dall’Agenzia Nazionale Erasmus+/INDIRE, per le mobilità virtuali non riconoscerà ai partecipanti alcun contributo relativo al supporto individuale, che sarà invece assegnato per i soli giorni effettivi di mobilità svolti in presenza. Inoltre, nel caso in cui l’università partner preveda esclusivamente la didattica in modalità e-learning per il primo semestre, la mobilità fisica non sarà consentita nello stesso semestre.

Domanda 5
Sono uno studente assegnatario di borsa di mobilità erasmus per studio. Quali procedure devo seguire prima di partire?

  • Registrazione presso la sede ospitante (Application Form)
  • Contattare i Partner e accertarsi delle modalità di erogazione dell’attività didattica (vedi domanda 2)
  • Verificare l’andamento della situazione Covid-19 nel paese di destinazione
  • Compilazione del “Learning Agreement” (piano di studi da svolgere all’estero)
  • Stesura dell’ Accordo finanziario da concordare in una prima fase con l’U.Op mobilità per Studio all’indirizzo mail erasmus@unime.it e successivamente effettuare l’invio a protocollo@unime.it
  • Trasmissione delle “Liberatoria” (reperibile sul sito nella sezione documenti e regolamenti) a protocollo@unime.it  (la liberatoria può essere trasmessa contestualmente alla trasmissione dell’Accordo finanziario)

Informazioni aggiuntive sulle procedure da compiere sono contenute nel vademecum on-line nella sezione Opportunità all’estero mobilità studio

Domanda 6
Sono uno studente assegnatario di borsa di mobilità erasmus per tirocinio. Quali procedure devo seguire prima di partire?

  • Contattare la sede ospitante e accertarsi delle modalità di erogazione dell’attività didattica (vedi domanda 2)
  • Verificare l’andamento della situazione Covid-19 nel paese di destinazione
  • Compilazione del “Learning Agreement”  (attività da svolgere all’estero)
  • Stesura dell’ Accordo finanziario da concordare in una prima fase con l’U.Op mobilità per Tirocinio all’indirizzo mail traineeship@unime.it e successivamente effettuare l’invio a protocollo@unime.it
  • Trasmissione delle “Liberatoria” (reperibile sul sito nella sezione documenti e regolamenti) a protocollo@unime.it.  La liberatoria può essere trasmessa contestualmente alla trasmissione dell’Accordo finanziario)

Informazioni aggiuntive sulle procedure da compiere sono contenute nel vademecum on-line nella sezione Opportunità all’estero mobilità tirocinio 

Domanda 7
Come si deve compilare l’accordo finanziario?
Almeno due settimane prima della partenza, lo studente dovrà compilare l’Accordo per la Mobilità  per Studio o   l’Accordo per la Mobilità  per Tirocinio (“Accordo finanziario”) indispensabile per l’erogazione della borsa di mobilità Erasmus che potete trovare al seguente link: https://www.unime.it/it/international/documenti-e-regolamenti.
Sull'accordo vanno indicati i propri dati personali, il proprio IBAN  (poiché la borsa di mobilità non può essere erogata su c.c. intestati a terze persone (ad esempio, i vostri genitori) e le date esatte di partenza/rientro che devono coincidere con il primo e l'ultimo giorno effettivo di attività . Per la mobilità tirocinio le date sono quelle già indicate sul LAT. Per la corretta compilazione delle date dell'attività per studio invece suggeriamo di verificare sul sito dell’Università di destinazione le date di inizio/fine del semestre o dell’intero anno accademico (comprensive anche del periodo delle sessioni di esame).
Poichè il ricevimento è ancora sospeso non sarà possibile la consegna in originale del modulo. Vi suggeriamo pertanto di compilare l'accordo ed inviarlo alle mail istituzionali dei nostri uffici,  (erasmus@unime.it  per Mobilità Studio e traineeship@unime.it per Mobilità Tirocinio) per la nostra verifica e conferma di completezza dei dati  inseriti ed eventualmente apportare le dovute correzioni. Dovrete poi inviarlo debitamente firmato in formato pdf all'indirizzo protocollo@unime.it con la seguente dicitura per Oggetto:

  • Accordo finanziario A.A. 2020/21 mobilità erasmus studio
  • Accordo finanziario A.A. 2020/21 mobilità erasmus traineeship 

 
Gli accordi che non seguiranno questo iter procedurale non saranno ritenuti validi

Domanda 8
Uno studente è assegnatario di borsa di mobilità erasmus per studio (mobilità europea KA103 - Bando a.a. 2020/2021). Fino a quando è possibile accettare?
Gli studenti assegnatari dovranno accettare o rinunciare (tramite piattaforma esse3) la sede attribuita entro e non oltre le ore 13.00 del 4 maggio 2020 e dovranno contestualmente inviare una mail (erasmus@unime.it) indicando il periodo di mobilità prescelto (I semestre –II semestre –Anno Intero), tenuto conto della durata concordata ed indicata per ciascuna Sede ospitante.
Le graduatorie definitive saranno pubblicate l’11 maggio 2020. 
La mancata accettazione entro i termini stabiliti equivarrà alla rinuncia della stessa da parte dello studente.
 
Domanda 9
Ad uno studente beneficiario di borsa di borsa di mobilità erasmus per studio (– mobilità europea KA103 - Bando a.a. 2020/2021) non è stata assegnata alcuna Sede (perché non disponibile). C’è la possibilità che gli venga assegnata una Sede in questa fase?
Si. Dopo la prima fase di accettazione/rinunce e scorrimento, ci sarà la Pubblicazione delle graduatorie aggiornate11 Maggio 2020 a cui seguirà l’accettazione degli studenti risultati idonei e assegnatari a seguito di scorrimento entro il 18 Maggio. Resta sempre la possibilità, per gli studenti beneficiari di borsa di borsa ma a cui non è stata assegnata la Sede, di partecipare alla Seconda Call prevista per il 25 maggio.
 
Domanda 9a
E’ possibile a due o più studenti scambiare la Sede assegnata?
No, questa ipotesi è esplicitamente vietata dall’art. 11, par.7 del Bando.
 
Domanda 10
Chi può partecipare alla Seconda Call del Bando erasmus mobilità per studio (mobilità europea KA103 - Bando a.a. 2020/2021)?
La Seconda Call è riservata ESCLUSIVAMENTE alla partecipazione degli studenti idonei nella Prima Call Erasmus+ ma risultati non assegnatari di sede. NON sono ammessi alla selezione: gli studenti risultati vincitori e assegnatari della prima Call Erasmus+ (partenze primo semestre/intero anno accademico/secondo semestre) e gli studenti che hanno accettato e rinunciato al posto assegnato con la prima Call Erasmus+.
 
Domanda 11
Dopo aver accettato la borsa di mobilità erasmus+ (mobilità europea KA103 - Bando a.a. 2020/2021) quali sono i passi successivi da compiere?
Nel vademecum sugli adempimenti per gli studenti vincitori di borsa Erasmus (disponibile on-line https://www.unime.it/it/international/evidenza/pubblicazione-graduatorie-bando-l%E2%80%99assegnazione-di-borse-di-mobilit%C3%A0-erasmus-6 ) sono riportati tutti i passaggi da seguire. Esiste anche una versione “light” disponibile on-line nella stessa sezione in cui sono ricapitolati i passaggi fondamentali.
 
Domanda 11a
È opportuno che lo studente assegnatario contatti la Sede straniera? Quando è opportuno farlo?
Dopo l’accettazione è opportuno consultare immediatamente il sito internet della Sede ospitante e verificare quali siano gli adempimenti richiesti prima di partire. Per maggiori informazioni è possibile contattare direttamente la Sede estera tenendo presente che l'U.op. mobilità per studio procederà ad effettuare le c.d. “nominations” (segnalare alle Sedi partner chi sono gli studenti che svolgeranno l'attività didattica) soltanto dopo la pubblicazione delle graduatorie definitive a seguito delle accettazioni/rinunce da parte di tutti gli assegnatari alla fine della Prima Call (18 maggio).
 
Domanda 11b
Entro quale data lo studente dovrà arrivare presso la Sede estera?
Le mobilità avranno luogo a partire da Settembre 2020. La data di arrivo dovrà tenere in considerazione del calendario didattico della Sede ospitante.
Benché il programma erasmus+ non si sia fermato, a causa dell’emergenza COVID-19 la ripresa delle attività in presenza (date e lezioni) presso le sedi ospitanti dipenderà dalla situazione sia a livello locale sia a livello internazionale. In questa fase è ancora prematuro fissare una data precisa di partenza/arrivo. E’, invece, opportuno tenersi costantemente in contatto con la Sede (a seguito delle nominations e secondo quanto riportato nel vademecum)  
 
Domanda 11c
Uno studente non potrà sostenere il test di verifica del livello di conoscenza linguistica al CLAM come previsto dal Bando. Dovrà rinunciare alla mobilità?
No. Considerata l'eccezionalità dovuta all'emergenza epidemiologica, qualora il Centro Linguistico d'Ateneo (CLAM) non fosse in condizione di effettuare i test di verifica (neanche in modalità “a distanza”) secondo le scadenze previste dal Bando, sarà permesso agli studenti assegnatari con riserva di attestare il livello linguistico utilizzando i test OLS (Organization Linguistic Support). I test OLS, che la Commissione Europea prevede siano inviati a tutti gli studenti in mobilità erasmus prima della loro partenza, verranno somministrati agli assegnatari con riserva e l'U.op. mobilità per studio provvederà a comunicare i tempi e le modalità di somministrazione dei test (la comunicazione verrà effettuata dopo la conclusione della 2nda Call del Bando mobilità erasmus+ per studio e, comunque, entro la fine di Giugno). I risultati dei test dovranno essere presentati, pena l’esclusione, prima della partenza e secondo le modalità che verranno comunicate dall’U.op. mobilità per studio.
 
Domanda 12
Come compilare il Learning agreement?
Il Learning agreement (LA) è il piano di studio che lo studente si impegna a svolgere all’estero. Dopo l’accettazione è opportuno compilare il LA il prima possibile con l'ausilio del docente referente per la mobilità internazionale del proprio Corso di Studio (seguendo i suggerimenti riportati nel Database UniME -guida agli insegnamenti riconosciuti all'estero) secondo le modalità riportate nel vademecum.
 
Domanda 13
Chi è il referente per la mobilità internazionale del mio Corso di studio?
Il referente per la mobilità internazionale è un docente che per ogni Corso di studio ha il compito, ai sensi del Regolamento per il riconoscimento dei periodi di mobilità all'estero, di procedere all’approvazione del Learning Agreement/Learning agreement for traineeship ed al riconoscimento accademico dei risultati conseguiti dallo studente al termine della mobilità all’estero effettuata sulla base di un programma di mobilità sostenuto da UNIME. Al seguente link (https://www.unime.it/it/international/referenti-la-mobilit%C3%A0-internazionale-del-corso-di-studio) è riportato l’elenco dei Referenti per la mobilità internazionale per ogni Corso di Studio erogato da UNIME ed i relativi contatti.

Domanda 14
Lo studente assegnatario di borsa con il Bando  erasmus+ (mobilità Europea) per attività di studio (
CALL 2020 - a.a. 2020/2021), può avviare la mobilità a distanza?
Si.  Per garantire l’attuazione del programma nei prossimi mesi e consentire la mobilità dei partecipanti l'AN nella nota del 19 Maggio 2020 ha chiarito che, qualora l'evoluzione della gestione della pandemia da COVID-19 lo dovesse richiedere, gli studenti beneficiari di borsa di studio potranno avviare la mobilità in modalità virtuale. L'U.op. mobilità internazionale ha provveduto a contattare le Sedi partner per avere conferma dell'attivazione di percorsi di studio on-line. Gli studenti interessati sono invitati a contattare direttamente la Sede estera per chiedere maggiori informazioni. Le mobilità dovranno essere combinate con una componente di mobilità fisica all’estero, nel momento in cui sarà nuovamente possibile. Tali mobilità (c.d. blended) saranno integralmente riconosciute in carriera (per tutte le attività svolte nel periodo di mobilità virtuale e fisica). Si raccomanda agli studenti interessati all'avvio delle c.d. mobilità blended (virtuale + fisica) di consultare preventivamente la specifica sezione COVID-19 riportata nella pagina web dell'Ambasciata d'Italia nel Paese in cui si intende svolgere l'attività e verificare preventivamente le eventuali misure di restrizione alla circolazione ancora in vigore.
 
Gestione della mobilità extra Europea (Erasmus+ KA 107 – Students Around the World)
1. Sono ammesse mobilità da/verso paesi extra UE.
No. Tutte le mobilità in uscita (outgoing) e in entrata (incoming) da/verso Paesi extra europei, nell’ambito di qualsiasi programma, sono posticipate al secondo semestre dell’a.a. 2020/2021.
Gestione della mobilità erasmus+ (mobilità Europea) per attività di studio e tirocinio a.a. 19/20.
Definizioni adottate dall’Agenzia nazionale Erasmus+/INDIRE
Interruzione della mobilità: lo studente è rientrato a Messina e non si prevede il prosieguo delle attività, neanche in modalità telematica. Non è possibile/non si prevede di riprendere le attività in un secondo momento.
Sospensione della mobilità: lo studente decide di rimanere nel Paese ospitante o è costretto a restarvi e le attività sono temporaneamente sospese. La sospensione è da intendersi come temporanea. La mobilità potrà riprendere successivamente MA dovrà essere garantita la durata minima prevista: durata totale mobilità – giorni di sospensione >= alla durata minima (90 giorni in caso di mobilità erasmus per studio e 60 giorni in caso di mobilità erasmus per tirocinio).
Annullamento della mobilità: mobilità che non ha avuto luogo o che il partecipante ha deciso di cancellare prima dell’inizio programmato.
 
Domanda 15
Cosa succede se lo studente non rientra in Italia e rimane presso la Sede ospitante seguendo attività didattiche (o di tirocinio) a distanza (oppure in presenza) riuscendo a svolgere le attività previste nel Learning agreement (LA) in modalità on-line o in presenza?
Sarà riconosciuto l'intero periodo indicato nell'attestato rilasciato dall'Università/Ente ospitante.
Al rientro a Messina, le attività previste dal LA e svolte all’estero, sia in presenza sia a distanza, verranno regolarmente riconosciute e inserite in carriera.  
Per quanto concerne l’erogazione della borsa di mobilità (comprensiva anche dei fondi aggiuntivi ai sensi degli artt. 4-5 del Bando), UniME riconoscerà il contributo per tutta la durata della mobilità certificata dall’ente ospitante, sia come attività in presenza all’estero sia come    attività    in    modalità    virtuale.
Eventuali costi aggiuntivi, connessi direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19 potranno eventualmente essere coperti nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN ad UniME per la singola mobilità e solo se il contributo unitario spettante per la mobilità non è sufficiente a coprire tali costi.
 
Domanda 16
Cosa succede se le attività presso la Sede ospitante sono temporaneamente sospese e non sono state avviate attività didattiche a distanza o smartworking?
Lo studente può decidere di rimanere all’estero e attendere la ripresa delle attività (a distanza o in presenza).
La mobilità è sospesa e potrà riprendere successivamente garantendo la durata minima prevista dal programma: durata totale – giorni di sospensione >/= alla durata minima (90 giorni in caso di mobilità erasmus per studio e di 60 giorni in caso di mobilità erasmus per tirocinio).
Si possono verificare le seguenti ipotesi:

  1. Lo studente mantiene il prefinanziamento della borsa ricevuto e se l’attività riprenderà (sia in presenza sia in remoto), UniMe procederà a corrispondere il saldo dovuto. Lo studente ha diritto a ricevere la sovvenzione anche per il periodo in cui l'attività non era in corso. Per esempio, se la mobilità è iniziata il 1 ° gennaio e dovrebbe concludersi il 1 ° luglio e le attività sono state sospese il 15 marzo, ma lo studente resta nel paese ospitante e riprende l’attività il 1° aprile, riceverà la sovvenzione anche per il periodo dal 16 al 30 marzo. Al rientro a Messina, le attività previste dal LA e svolte all’estero sia in presenza sia a distanza, e attestate nel Transcript of records, verranno regolarmente riconosciute e inserite in carriera. 
  2. Lo studente mantiene il prefinanziamento della borsa ricevuto ma se l’attività NON riprende, dovrà restituire l’importo eccedente della borsa riferito al periodo di mobilità non effettuata. Potranno essere coperti, nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN a UniME, eventuali costi aggiuntivi, collegati direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19. Il referente per la mobilità internazionale potrà riconoscere le attività certificate da parte della sede straniera tramite un Transcript of Records. Se la sede dovesse certificare un esame parziale, il referente valuterà il singolo caso e comunicherà se l’attività didattica parziale potrà essere convalidata. 

Domanda 17
Cosa succede se le attività presso la Sede ospitante sono temporaneamente sospese e non sono state avviate attività didattiche a distanza o smartworking ma NON si riesce a rientrare in Italia (o si rientra dopo diversi giorni o settimane dopo l'interruzione delle attività) a causa delle restrizioni di viaggio imposte dalle autorità nazionali del paese in cui ci si trova?
Questo caso è da ritenersi una sospensione della mobilità per causa di forza maggiore COVID-19 e  il  beneficiario  potrà riprendere la  mobilità  già  autorizzata in  un  momento successivo, concludendola entro il termine ultimo del 30 settembre 2021 nel rispetto dei requisiti minimi di durata previsti dal programma erasmus.
Al fine di garantire il rispetto del percorso accademico, verrà permesso allo studente di seguire le lezioni a distanza di UNIME e di sostenere gli esami sin da subito. Il referente per la mobilità internazionale potrà riconoscere solo gli esami certificati da parte della sede straniera tramite un Transcript of Records. Se la sede dovesse certificare un esame parziale, il referente valuterà il singolo caso e comunicherà se l’attività didattica parziale potrà essere convalidata.
Lo studente potrà riprendere la mobilità già autorizzata in un momento successivo, concludendola entro il termine ultimo del 30 settembre 2021 nel rispetto dei requisiti minimi di durata previsti dal programma.
Per quanto attiene l’erogazione della borsa, lo studente continuerà a ricevere la borsa per i giorni in cui è costretto a restare all’estero. Eventuali costi aggiuntivi, collegati direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19, potranno essere coperti nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN ad UniME per la singola mobilità.
 
Domanda 18
Cosa succede se lo studente ha dovuto interrompere la sua mobilità, rientrando in Italia prima del previsto, e non possa ritornare all’estero per completarla?
La mobilità è da intendersi definitivamente conclusa.
Lo studente potrà seguire a distanza le lezioni di UniME in modalità remota e sostenere i relativi esami previsti dal piano di studi sin dal suo rientro in sede con il riconoscimento degli stessi in carriera.
Il referente per la mobilità internazionale potrà riconoscere gli esami certificati da parte della sede straniera tramite un Transcript of Records. Se la sede dovesse certificare un esame parziale, il referente valuterà il singolo caso e comunicherà se l’attività didattica parziale potrà essere convalidata.
Per quanto concerne l’erogazione della borsa di mobilità questa situazione si configura come un’interruzione per causa di forza maggiore COVID-19 e la mobilità è da ritenersi definitivamente conclusa al momento del rientro in sede, considerato che lo studente non ha potuto proseguire le attività didattiche a distanza. Pertanto lo studente dovrà restituire soltanto l’importo eccedente della borsa riferito al periodo di mobilità non effettuata. Eventuali costi aggiuntivi, collegati direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19 potranno essere coperti nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN ad UniME per la singola mobilità.
 
Domanda 19
Lo studente è riuscito a rientrare in Italia e la Sede ospitante dà la possibilità di continuare a distanza il percorso di studio intrapreso seguendo le lezioni on-line su piattaforma digitale e di sostenere esami dall'Italia (in modalità on-line). Sarà mantenuta la borsa Erasmus?
Si. Gli studenti che sono rientrati nel paese di appartenenza potranno proseguire virtualmente la mobilità Erasmus, mantenendo la borsa Erasmus e beneficiando delle attività di didattica a distanza che gli istituti nei Paesi di destinazione della mobilità renderanno disponibili, nel rispetto del piano di studi (Learning Agreement Erasmus approvato) e come concordato con UNIME, per completare l’acquisizione di tutti gli ECTS previsti anche sostenendo prove a distanza.
Gli esami - sostenuti a distanza dall'Italia - vengono riconosciuti in carriera da UNIME. 
Eventuali costi aggiuntivi, connessi direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19 e sostenuti per il rientro anticipato nel Paese di appartenenza (es. acquisto di un nuovo biglietto aereo molto costoso) potranno essere coperti nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN ad UniME per la singola mobilità se e solo se il contributo unitario spettante per la mobilità non è sufficiente a coprire tali costi.
 
Domanda 20
Lo studente è rientrato in Italia e segue i corsi on line della Sede ospitante.  Nel caso in cui l'emergenza dovesse rientrare, sarebbe possibile tornare all'estero?
Si. Situazione teoricamente ammissibile la cui fattibilità dipende dal paese ospitante e dall'evoluzione in quel paese del contagio.
 
Domanda 21
Una mobilità, inizialmente sospesa per futuro completamento, può essere trasformata, successivamente, in una mobilità interrotta per causa di forza maggiore ove fosse impossibile il completamento entro la durata del progetto?
Si, considerata la situazione di eccezionalità. Se lo studente dovesse partire nuovamente, la nuova mobilità sarà gestita secondo le regole standard del programma, previste per una nuova mobilità: partecipazione al bando di selezione, nuovo accordo Istituto/studente, nuovo Learning Agreement.
 
Domanda 22
Lo studente che ha interrotto la mobilità per causa di forza maggiore, può effettuare nuovamente la sua mobilità?
Si, a seguito della partecipazione ad un nuovo Bando di mobilità erasmus e di una nuova selezione positivamente superata. Il 25 maggio 2020 verrà pubblicata la Seconda Call del Bando erasmus mobilità per studio, mentre sempre a Maggio è prevista la pubblicazione del Bando erasmus mobilità per tirocinio. Pertanto, se eleggibile, lo studente dovrà sottoscrivere un “nuovo” Accordo Istituto-studente, un nuovo Learning Agreement e potrà essere destinatario di un altro grant comunitario. Resta il limite massimo di 12 mesi di mobilità, per ciclo di studio.
 
Domanda 23
Mobilità per studio: lo studente torna in Italia, dopo aver maturato il numero minimo di 90 giorni di mobilità, ma ha sostenuto esami parziali. Verranno riconosciute le attività (parzialmente) svolte?
Il referente per la mobilità internazionale potrà riconoscere gli esami certificati da parte della sede straniera tramite un Transcript of Records. Se la sede dovesse certificare un esame parziale, il referente valuterà il singolo caso cercando di trovare la soluzione più favorevole allo studente e garantire il rispetto del piano di studi previsto all’estero. Si consiglia di valutare insieme al Referente e alla sede straniera la possibilità di sostenere gli esami a distanza, specialmente per le attività formative per le quali hai già seguito le lezioni/seminari.
 
Domanda 24
Mobilità per tirocinio: lo studente torna in Italia, dopo aver maturato il numero minimo di 60 giorni di mobilità, ma ha sostenuto soltanto parte delle attività previste nel Learning agreement for Traineeship. Verranno riconosciute le attività parzialmente sostenute?
Sulla base del DR prot n. 32021 del 24/03/2020, se il tirocinio è stato realizzato nella misura del 60% del totale delle ore previste, il referente per la mobilità internazionale (sulla base del Transcript of records rilasciato dalla Sede ospitante) procederà al riconoscimento di tale periodo che sarà considerato valido per l’acquisizione dei crediti previsti. Se le attività sono state realizzate nella misura del 60% del totale delle ore previste, ma lo studente NON ha maturato il numero minimo di 60 giorni di mobilità, il tirocinio all’estero potrà essere riconosciuto ma non come svolto nell’ambito del programma erasmus.
 
Domanda 25
Lo studente si trova all’estero. E’ possibile chiedere un prolungamento?
Si, se la Sede ospitante ed il Referente per la mobilità internazionale sono d’accordo e sono rispettate le disposizioni di sicurezza, nulla osta alla concessione di un periodo di estensione della mobilità, sempre nei limiti previsti alla durata della mobilità.
 

Domanda 26
Lo studente assegnatario di borsa, può effettuare la mobilità Erasmus totalmente a distanza?
No. La Nota dell’Agenzia Nazionale Erasmus+ n. 3/20 del 3 aprile 2020 chiarisce che le mobilità totalmente in “distance learning” (ovvero mobilità mai iniziate) non saranno ritenute ammissibili e quindi non rendicontabili.  Il DR. prot n. 32021 del 24/03/2020 di UniME prevede che sia “possibile attivare solo i tirocini (anche all’estero) in modalità a distanza. Per le nuove attivazioni, il soggetto ospitante dovrà inviare la richiesta di autorizzazione a svolgere il tirocinio in modalità a distanza, unitamente al progetto formativo”. Tuttavia, sulla base delle summenzionate indicazioni dell’AN, nell’ambito del programma di mobilità erasmus, non sono ammissibili le attività di apprendimento/formazione a distanza per gli studenti neo laureati. L'AN nella nota del 19 Maggio 2020 ha chiarito che gli studenti beneficiari di borsa di studio (assegnazione con Bando a.a.2019/2020 e Bando a.a. 2020/2021) potranno avviare la mobilità in modalità virtuale (se l'Istituzione ospitante permette tale possibilità). Tuttavia, le mobilità dovranno essere combinate con una componente di mobilità fisica all’estero, nel momento in cui sarà nuovamente possibile. Tali mobilità (c.d. blended) saranno integralmente riconosciute in carriera (per tutte le attività svolte nel periodo di mobilità virtuale e fisica). Si raccomanda agli studenti interessati all'avvio delle c.d. mobilità blended (virtuale + fisica) di consultare preventivamente la specifica sezione COVID-19 riportata nella pagina web dell'Ambasciata d'Italia nel Paese in cui si intende svolgere l'attività e verificare preventivamente le eventuali misure di restrizione alla circolazione ancora in vigore.
 
Domanda 27
Cosa succede se una mobilità non ha avuto luogo a causa dell’emergenza COVID-19? E’ possibile posticipare tale mobilità?
Se la mobilità è stata cancellata dall’Ente ospitante o dallo studente prima che abbia inizio, questa sarà ritenuta annullata. Se nessun costo è stato sostenuto, la borsa di studio (eventualmente trasferita) dovrà essere restituita. Tuttavia, se lo studente ha sostenuto delle spese direttamente legate all’emergenza COVID-19 (spese di viaggio, assicurative, o di altra tipologia), rispetto alle quali possono dimostrare l’evidenza dell’impossibilità del rimborso o del recupero, potrà essere richiesto il rimborso delle stesse. Fermo restando il divieto di effettuare mobilità totalmente in “distance learning”, considerata l’eccezionalità dell’emergenza le mobilità annullate potranno eventualmente avere luogo successivamente (entro il 30 settembre 2021) a condizione che la situazione di emergenza si sia conclusa, vi sia l’accordo con l’Istituto ospitante in merito all’aumento del numero di studenti in mobilità per l’anno 2020/21 (nel caso di mobilità studio) e vi sia un atto/decreto interno che formalizzi tali disposizioni.
 
Domanda 28
Lo studente è stato selezionato per una mobilità erasmus da svolgere dopo il conseguimento del titolo. Entro quanto sarà possibile partire?
L’Agenzia Nazionale informa che è stato esteso il lasso di tempo utile per la mobilità Erasmus dei neolaureati che si trovano costretti a rimandare la mobilità per la quale sono stati selezionati: avranno 18 mesi (anziché 12) dal conseguimento del titolo per realizzarla. Le mobilità assegnate con la Call 2019, eccezionalmente, potranno svolgersi entro il 30 settembre 2021.
 
Domanda 29
Com’è possibile chiedere il rimborso per costi aggiuntivi sostenuti e non recuperati?
Eventuali costi aggiuntivi, connessi direttamente ed esclusivamente alla situazione di emergenza COVID-19, rispetto ai quali può essere dimostrata, con opportuna documentazione, l’evidenza dell’impossibilità del rimborso o del recupero, potranno essere coperti, nei limiti della sovvenzione concessa dall’AN ad UniME.
L’Ateneo non potrà autorizzare autonomamente e su propri fondi la richiesta di rimborsi di spese straordinarie sostenute causa COVID-19 rispetto ai quali sarà sempre necessaria l’autorizzazione dell’AN. A seguito di tale autorizzazione o della valutazione dell’ineleggibilità delle spese sostenute, le borse già erogate dovranno essere ricalcolate sulla base dell’effettiva durata della didattica frontale e virtuale e si procederà al recupero della borsa eventualmente erogata in eccesso.
Le spese aggiuntive, rispetto alle quali sarà possibile richiedere il rimborso da sottoporre alla valutazione dell’Agenzia Nazionale, dovranno riguardare:

  • biglietti aerei acquistati in fase di emergenza COVID-19 utilizzati per ritornare presso la sede di invio ed eventuali extra per l’imbarco dei bagagli;
  • spese per l’utilizzo di mezzi di trasporto privati per raggiungere l’aeroporto estero in assenza documentata di mezzi pubblici;
  • biglietti aerei di ritorno acquistati ma non utilizzati (se la compagnia aerea non procede al rimborso);
  • caparra per l’alloggio non goduto (se il proprietario/ente non lo restituisce);
  • spese mediche o farmaceutiche per cure o prodotti acquistati causa prevenzione/cura COVID-19;
  • spese sostenute per assicurazioni straordinarie richieste dagli enti ospitanti causa COVID-19;
  • tasse di registrazione o contributi per il diritto allo studio richiesti dalle università estere per periodi non fruiti (se non rimborsati dall’ente ospitante

Le richieste dovranno essere supportate da idonea documentazione giustificativa (ricevute, scontrini, fatture, con prova del mancato recupero delle spese sostenute) e dovranno essere inviate per e-mail all’U. operativa competente previa compilazione del modulo disponibile in calce alla presente sezione.
Si ricorda che è necessario consegnare i documenti di spesa in originale direttamente all’U. operativa competente, non appena l’emergenza sanitaria in corso sarà terminata.

 

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti