Generare combustibili con le rinnovabili: il ponte tecnologico UniMe-Egitto sulla rivista "e7"

E' stata pubblicata, sulla rivista "e7", l'intervista rilasciata dal prof. Gabriele Centi (docente di Chimica Industriale presso il Dipartimento MIFT dell'Università di Messina) in merito alla conferenza "National Dimensions of Rationalizing Water and Energy Utilization" (svoltasi a Il Cairo) ed al ponte tecnologico ed educativo instauratosi tra l'Università di Messina e l'Egitto sui combustibili solari. 
Contestualmente, l'Egitto vanta una sovracapacità produttiva di energia rinnovabile, ma l'export è fortemente rallentato dai limiti attuali nel trasporto a lunga distanza di energia elettrica; produrre combustibili solari rappresenta la soluzione per permettere i trasporti a lunga distanza ed ovviare anche alle criticità in termini di fluttuazioni nella produzione di energia rinnovabile. L 'Ateneo perloritano può creare un ponte scientifico-tecnologico ed educazionale, che da una parte permetta lo sviluppo delle tecnologie per importare energia rinnovabile dall'Egitto e dall'altra di favorire l'aumento della quota di utilizzo di energia pulita in Europa, sostituendo progressivamente l'utilizzo di combustibili fossili ed i relativi effetti negativi sull'ambiente ed i cambiamenti climatici. Al riguardo, nel corso dell'intervista, il prof. Centi ha fatto riferimento all'iniziativa ENERGY-X che ha, tra i progetti dimostrativi, la trasformazione dell'aeroporto di Catania alimentato da combustibili solari. Una prospettiva esemplare per porre l'accento sull'importanza rivestita dallo sviluppo della tecnologia nella risoluzione dei limiti infrastrutturali per il trasporto di energia da rinnovabili su ampie distanze.

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti

Staff