La Filosofia, il Castello e la Torre, Ischia dal 22 al 25 settembre 2022

ll Festival Internazionale della Filosofia di Ischia e Napoli s’interroga sul tema della bellezza.
 
Il festival apre la riflessione a tutti i saperi, dalla filosofia alla psicologia, dalla storia dell’arte alla biologia, alla fisica, tutti gli interventi con un contributo riflessivo critico e coerente con la call for papers verranno presi in considerazione per le sessioni conferenza. La capacità di comunicare a tutti il sapere acquisito negli anni di ricerca è fondamentale per essere selezionati.
Qui di seguito, le aree di riferimento cui indirizzare la propria proposta di partecipazione:

  1. Filosofia antica, moderna e contemporanea. Che cos’è la bellezza? La domanda ontologica sulla genesi del concetto di bellezza. Kalokagathia. Esseri umani, belli e buoni. Che cos’è la bruttezza?Soggettività e oggettività. Occidente versus Oriente: principi filosofici a confronto.
  1. Filosofia e storia delle religioni. Indagare le differenze storico-culturali nei canoni che definirono e definiscono la bellezza. La bellezza al servizio delle religioni e dei culti. La bellezza come veicolo per il raggiungimento della virtù morale. Scissione tra ideale e reale.
  1. Scienza e filosofia della scienza. Scienza e filosofia in dialogo. La bellezza delle scoperte e dei traguardi scientifici. L’altra bellezza, quella che può salvare il mondo dall’azione perversa ed egoistica umana. Simmetria della bellezza. La pandemia: vecchi e nuovi scenari di un mondo “brutto”.
  1. Storia, filosofia della storia e storia della scienza. Sviluppi storici degli accadimenti umani cosiddetti virtuosi e stadi di evoluzione possibili. Il concetto di apogeo e decadimento delle civiltà, la nostalgia dei tempi migliori. Magnificenze e brutture commesse dagli esseri umani.
  1. Letteratura e arte. Escatologie e visioni dell’essere umano nella narrazione prospettica del sé e dell’alterità attraverso l’opera d’arte. I canoni di bellezza. La bellezza della natura. Gli inganni della bellezza. La bellezza come “canone fluido” oltre lo spazio Donna-Uomo. Poesia: gli oggetti dell’ispirazione umana. Donne assoggettate dalla bellezza? Estetica ed Etica a confronto nello spazio artistico. Mito e bellezza.
  1. Psicologia. La bellezza come passe-partout per la società: l’individuo e la sua relazione con il corpo, con la propria immagine tra convenzione e stereotipi estetici. La sanità come “bello assoluto”. Patologia e dipendenze provocate dall’immagine: psicologia, psicoterapia e neuroscienze a confronto.
  1. Filosofia politica e Pluralismo ontologico ed epistemologico. La bellezza del particolarismo glocal. Globalizzazione come distruzione di bellezza? La democrazia come forma di bellezza etica. Oltre l’antropocentrismo: la bellezza senza l’umano.
  1. Pedagogie. La buona cittadinanza: essere belli, essere buoni. Il compito istituzionale nella formazione delle nuove generazioni e l’ampliamento dei curricula alle nuove esigenze dettate dalla società contemporanea: saperi umanistici, etica, ecologie, formazione civica e politica.
  1. Ecologia, economia ed etica. La legge del più forte: belli e ricchi, brutti e poveri. Il potere d’acquisto dell’umano e la bellezza dell’affermazione individuale. Etica ed economia: uguaglianza sociale? Ecologia versus economia: consumismo, egocentrismo e finzione etica nel marketing internazionale. Vax e novax: la lotta di un’umanità confusa.
  1. Architettura e design. Il bello architettonico e urbano, tra mainstream globale e estetiche della condivisione. “Eutopie” e politiche del bello. Il design: estetizzazione della merce e obsolescenza formale. Il “sex appeal dell’inorganico”: tra moda e consumo. Estetiche divergenti: kitsch e camp tra architettura e design.
  1. Cinema e arti visive. Il concetto di bellezza nelle opere cinematografiche e artistiche. Il rapporto tra cinema, arte e filosofia. La capacità etica della bellezza nelle visioni soggettive dei registi e sceneggiatori acclamati dalla critica mondiale.
  1. Tecnologia, saperi digitali e social media. La bellezza e l’utile: nuovi formati e forme. Le intelligenze artificiali, la bellezza oltre l’umano. Sentire la bellezza. Bellezza naturale e artificiale. Divisone e vicinanza, i social come scenari di una bellezza meno umana.
  1. Non conventional-Philosophy. Sezione di taglio divulgativo rivolta a studiosi, poeti, letterati, scienziati, disposti a coinvolgere il pubblico in una discussione aperta e no filter in luoghi convenzionali e non.
  1. Street-Philosophy. Sei un filosofo abituato a discorrere della madre delle scienze come faceva Socrate, in piazza, per strada? Mandaci un abstract!

 
 
Potete trovare qui tutte le informazioni utili per partecipare al Festival:
http://www.lafilosofiailcastellolatorre.it/call-for-paper-lafilosofiailc...
 

Giovedì, Settembre 22, 2022
  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti