Offerta Didattica

 

ANALISI E GESTIONE DEI RISCHI NATURALI E ANTROPICI

MANAGEMENT DEI RISCHI AMBIENTALI

Classe di corso: L-34 - Scienze geologiche
AA: 2019/2020
Sedi: MESSINA
SSDTAFtipologiafrequenzamoduli
SECS-P/13Affine/IntegrativaLiberaLiberaNo
CFUCFU LEZCFU LABCFU ESEOREORE LEZORE LABORE ESE
6600363600
Legenda
CFU: n. crediti dell’insegnamento
CFU LEZ: n. cfu di lezione in aula
CFU LAB: n. cfu di laboratorio
CFU ESE: n. cfu di esercitazione
FREQUENZA:Libera/Obbligatoria
MODULI:SI - L'insegnamento prevede la suddivisione in moduli, NO - non sono previsti moduli
ORE: n. ore programmate
ORE LEZ: n. ore programmate di lezione in aula
ORE LAB: n. ore programmate di laboratorio
ORE ESE: n. ore programmate di esercitazione
SSD:sigla del settore scientifico disciplinare dell’insegnamento
TAF:sigla della tipologia di attività formativa
TIPOLOGIA:LEZ - lezioni frontali, ESE - esercitazioni, LAB - laboratorio

Obiettivi Formativi

Il corso si propone di fornire conoscenze su modelli e metodologie di gestione dei rischi, naturali o antropici. Vengono forniti i principi di base della normazione tecnica e viene studiata la norma ISO 31000 (Gestione del rischio, principi e linee guida) valido strumento per le organizzazioni pubbliche o private che intendano effettuare una corretta gestione dei rischi. In particolare, viene descritto il processo di gestione: identificazione, analisi, valutazione e trattamento dei rischi. Vengono introdotte le tecnologie end of pipe e le Cleaner Technology come strumenti concreti di trattamento e riduzione del rischio ambientale. Lo studio del modello di Morgan aiuta ad individuare alcune strategie di riduzione del rischio. Il corso è completato dallo studio dei sistemi di gestione ambientale alla luce della normativa tecnica di riferimento.

Learning Goals

The course aims to provide knowledge on models and methodologies for natural or anthropic risks management. The basic principles of technical standardization are provided and the ISO 31000 standard (risk management, principles and guidelines) is studied, a valid tool for public or private organizations that intend to carry out a correct risk management. In particular, the management process is described: identification, analysis, evaluation and treatment of risks. End of pipe technologies and Cleaner Technology as concrete tools for treatment and reduction of environmental risk are examined. The study of the Morgan model helps to identify some risk reduction strategies. The course is completed by the study of environmental management systems based on the technical reference standard.

Metodi didattici

Il corso è articolato in lezioni frontali.

Teaching Methods

The course is organized in frontal lessons.

Prerequisiti

Non sono richiesti prerequisiti

Prerequisites

No prerequisites are required.

Verifiche dell'apprendimento

La valutazione finale viene effettuata mediante un esame orale. La valutazione viene effettuata in trentesimi (soglia minima di sufficienza 18/30).

Assessment

The final evaluation is carried out using an oral examination. The evaluation is performed in thirty (minimum threshold of sufficiency 18/30).

Programma del Corso

1 Il concetto di rischio come entità concettuale multiforme e dipendente dalla cultura dei popoli; definizione dei rischi naturali ed antropici; ambiente fisico e moderno concetto di ambiente biosfera ed ecosistemi 2 Rapporto tra tecnologia e ambiente: evoluzione del rapporto tra tecnologia e ambiente - rapporto Meadows e club di Roma, i limiti dello sviluppo 3 Concetto di sviluppo sostenibile: rapporto della Commissione Brundtland - concetto di equità intra e intergenerazionale - K di sostenibilità - sostenibilità forte e debole; diversi approcci del Management al problema ambientale - concetto di Responsabilità sociale delle imprese (CSR) - rischi puri e speculativi 4 La gestione del rischio: modello di Morgan come primo approccio al Risk Management: esempi di applicazione; 5 Norma UNI ISO 31000:2018 Gestione del rischio Linee guida come standard ufficiale per la gestione del rischio; 6 Identificazione del rischio: definizione delle unità di rischio, identificazione delle minacce, identificazione dei fattori modificativi, descrizione qualitativa dei danni. 7 Strumenti di identificazione del rischio: la tabella delle minacce - la checklist - l'intervista e l'ispezione; i diagrammi di flusso - accident investigativo - le registrazioni storiche; TOR Analysis con esempi - FMA e FTA Analysis 8 Analisi e valutazione dei rischi: le tecniche di analisi - tecniche statistiche e tecniche soggettive - differenza tra le due tecniche di analisi - tecniche soggettive e qualitative; le tecniche semi-quantitative - le tecniche quantitative - 9 Applicazione delle tecniche di valutazione qualitative in alcuni casi studio: applicazione allo studio della AAI in un termovalorizzatore di CDR; la gestione del rischio chimico ed ambientale in una centrale termoelettrica; la gestione del rischio chimico ed ambientale in una discarica 10 Trattamento dei rischi: azioni di controllo fisico del rischio: l'elusione, la prevenzione, la protezione - l'elusione: strumento di controllo dei rischi da attività industriali - differenza tra prevenzione e protezione - studio delle curve di isorischio 11 Loss control: applicazioni nella safety e nella security - gestione del rischio in caso di disastri nel settore industriale - gestione del rischio in caso di disastri naturali e dolosi nel settore industriale; mezzi per effettuale la loss control: attrezzature di sicurezza, procedure e formazione 12 Ruolo della tecnologia per la soluzione dei problemi ambientali: equazione dell'ecologo Paul Ehrlich - tecnologie appropriate - tecnologie pulite - clean technology - cleaner technology

Course Syllabus

1 The concept of risk as multiform conceptual entity; definition of the natural and anthropic risks; modern concept of environment; equilibriums of the ecosystems in relationship to the anthropic activity 2 Relationship between technology and environment: evolution of the relationship between technology and environment; Meadows report and the limits of the development 3 Concept of sustainable development: report of the Brundtland Commission; concept of equity intra and inter-generational; K sustainability; theory of strong and weak sustainability; different approaches to the management of the environmental problem; the concept of Corporate Social Responsibility (CSR); pure and speculative risks 4 Risk management: Morgan model as a first approach to Risk Management; examples of application 5 The ISO 31000:2018 "Risk management - Guidelines" as official standard for risk management 6 Risk identification: definition of the risk units, identification of modifying factors 7 Tools of risk identification: the risk table, the checklist, interview and inspection; flowcharts, accident investigation, historical recordings; TOR Analysis 8 Analysis and risk assessment: statistical techniques; techniques subjective, qualitative, semi-quantitative and quantitative 9 Examples of application of qualitative techniques 10 Treatment of risks: elusion, prevention, protection; the difference between prevention and protection; the curves of iso-risk 11 Loss control: applications in safety and security, risk management, in the case of industrial disasters; loss control tools: safety equipment, procedures and training 12 Role of technology for the solution of environmental problems; equation of ecologist Paul Ehrlich; appropriate technologies, cleaner technologies

Testi di riferimento: Dispense aggiornate a cura del Docente - V. Bettini, L.W. Canter, L. Ortolano Ecologia dellimpatto ambientale - UTET, Torino, 2004 - G. Forestieri, A. Gilardoni Le Imprese e la Gestione del Rischio Ambientale Profili aziendali, giuridici, assicurativi EGEA, Milano, 1999 - S. Storti Governare il Rischio Ambientale - Environmental Management- Metodologie e strumenti per le aziende Franco Angeli, Milano 2006 - R.K. Turner, D. W. Pearce, I. Bateman - Economia Ambientale - Il Mulino, Bologna, 2005 - I. Tsiouras - Risk Management La norma ISO 31000:2018. La metodologia per applicare efficacemente il risk management in tutti i contesti Youcanprint Self-Publishing, Tricase (LE), 2018

Elenco delle unità didattiche costituenti l'insegnamento

Docente: FRANCESCO LANUZZA
NNomeSSDTipoCFUORETAFFrequenza
1SECS-P/13LEZ636Affine/IntegrativaLibera

Legenda
SEGMENTO: Tutte le unità didattiche sono composte da almeno un segmento
TIPO:LEZ - lezione, ESE - esercitazione, LAB - laboratorio

Orario di Ricevimento - FRANCESCO LANUZZA

GiornoOra inizioOra fineLuogo
Lunedì 10:00 12:00Dipartimento di Economia - Edificio D, Stanza n. 61 terzo piano - Via dei Verdi.
Mercoledì 10:00 12:00Dipartimento di Economia - Edificio D, Stanza n. 61 terzo piano - Via dei Verdi.
Venerdì 10:00 12:00Dipartimento di Economia - Edificio D, Stanza n. 61 terzo piano - Via dei Verdi.
Note: Il ricevimento è sospeso nei giorni in cui ci sono lezioni, esami o altri impegni istituzionali.
  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti