Offerta Didattica

 

LETTERE

LINGUISTICA GENERALE

Classe di corso: L-10 - Lettere
AA: 2019/2020
Sedi: MESSINA
SSDTAFtipologiafrequenzamoduli
L-LIN/01, Base, Caratterizzante, Affine/IntegrativaLiberaLiberaNo
CFUCFU LEZCFU LABCFU ESEOREORE LEZORE LABORE ESE
6240016216200
Legenda
CFU: n. crediti dell’insegnamento
CFU LEZ: n. cfu di lezione in aula
CFU LAB: n. cfu di laboratorio
CFU ESE: n. cfu di esercitazione
FREQUENZA:Libera/Obbligatoria
MODULI:SI - L'insegnamento prevede la suddivisione in moduli, NO - non sono previsti moduli
ORE: n. ore programmate
ORE LEZ: n. ore programmate di lezione in aula
ORE LAB: n. ore programmate di laboratorio
ORE ESE: n. ore programmate di esercitazione
SSD:sigla del settore scientifico disciplinare dell’insegnamento
TAF:sigla della tipologia di attività formativa
TIPOLOGIA:LEZ - lezioni frontali, ESE - esercitazioni, LAB - laboratorio

Obiettivi Formativi

Il corso è finalizzato all’apprendimento da parte dello studente delle principali strutture in cui sono organizzate le lingue storico-naturali (fonetica e fonologia; morfologia; sintassi; lessico) e dei principali metodi impiegati per classificare le lingue del mondo (genealogico, tipologico, areale). Particolare attenzione sarà rivolta alla fonetica articolatoria, alla descrizione dei sistemi fonetici e fonologici delle principali lingue europee, e alla loro trascrizione fonetica secondo i principi dell’IPA (International Phonetic Association).

Learning Goals

The course is aimed at the learning of the main linguistic structures (phonetics; phonology; morphology; syntax and lexicon). Furthermore, the most important approaches used to classify the world languages will be illustrated (genealogical, typological and areal classification). A specific focus will be devoted to the articulatory phonetics and to the description of both the phonetic and phonological systems of the main European languages (especially Italian), as well as to the phonetic IPA transcription.

Metodi didattici

Lezioni frontali con l’ausilio del Power-Point. Tutto il materiale analizzato a lezione è consultabile sul sito e-learning dell’Università.

Teaching Methods

Classes with the support of Power Point. The whole material analyzed during the class is available on the e-learning University website.

Prerequisiti

Si richiede una conoscenza di base relativa a nozioni di grammatica elementare, appresa nel corso degli studi pre-universitari e una buona conoscenza della geografia politica dell’Europa, poiché parte del corso è dedicata a un profilo linguistico delle principali lingue d’Europa.

Prerequisites

A basic knowledge of the elementary grammar learnt in the High School is requested. Furthermore, a good knowledge of the European geography is also needed, since part of the course will be focused on the linguistic outline of the main Indo-European languages of Europe.

Verifiche dell'apprendimento

Modalità di verifica: Colloquio orale sugli argomenti trattati nei testi in programma, nelle date riportate sul calendario degli appelli degli esami. Sono previste delle prove in itinere per gli studenti frequentanti. Dato il carattere altamente specialistico della materia, la frequenza è vivamente raccomandata.

Assessment

Oral examination on the arguments discussed by the reference books. The exam dates are reported on the schedules of the school terms. Intermediate written test is considered for the attending students. The attendance is highly recommended, due to the specialistic character of this learning.

Programma del Corso

Il corso è articolato in quattro moduli. N.B. Gli studenti di Lettere curriculum moderno (12 CFU) hanno il programma con i moduli 1, 2, 3, 4; gli studenti di Lettere curriculum Docente di italiano a stranieri (9 CFU) hanno i moduli 1, 2, 3 e parte del 4; gli studenti di Lettere curricula: classico e storico e di Interclasse (6 CFU) hanno il programma con i moduli 1, 2 e 3;gli studenti di Scienze dell’informazione: comunicazione pubblica e tecniche giornalistiche hanno il programma con il solo modulo 4. modulo 1. Introduzione alla linguistica generale. Il modulo intende fornire le nozioni di base indispensabili per lo studio scientifico delle lingue. Lo studente sarà introdotto all’analisi delle principali strutture nelle quali sono organizzati i sistemi linguistici storico-naturali (fonetica e fonologia; morfologia; sintassi, lessico). Saranno inoltre illustrati i principali metodi impiegati nella classificazione delle lingue del mondo (genealogico, tipologico, areale). modulo 2. Introduzione alla fonetica articolatoria e alla trascrizione fonetica: descrizione dell’apparato fonatorio; classificazione articolatoria delle vocali e delle consonanti; tratti segmentali e soprasegmentali. Nozioni di trascrizione fonetica stretta secondo i principi dell’IPA (International Phonetic Alphabet). modulo 3. Classificazione genealogica, tipologica e areale delle principali lingue europee. Questo terzo modulo è specificatamente dedicato alla descrizione e alla classificazione delle principali lingue d’Europa, in ottica sia sincronica che diacronica, con particolare attenzione alle aree nelle quali sono avvenuti fenomeni linguistici di interferenza e convergenza linguistica (cosiddette leghe linguistiche). Particolare attenzione sarà rivolta alla cosiddetta “lega linguistica balcanica” e all’esame dei balcanismi. modulo 4. Introduzione alla sociolinguistica Questo modulo è indirizzato allo studio del rapporto tra dinamiche linguistiche e dinamiche sociali, nella misura in cui queste ultime possono eventualmente condizionare le prime. Lo studio di tale condizionamento comprende l’analisi di una serie di fattori che vengono complessivamente indicati come “esterni”, in opposizione a quelli “interni”, ovvero strutturali. Dopo aver introdotto gli studenti alle nozioni di base della sociolinguistica moderna (quali quelle di comunità linguistica, di rete e classe sociale, di repertorio, di competenza comunicativa, di variazione, di variabili etc.), il modulo mira a illustrare le complesse interazioni tra linguaggio e società attraverso una serie di case-studies, tratti per lo più (ma non esclusivamente) da lingue moderne.

Course Syllabus

1. Introduction to general linguistics. This modul is aimed at providing students the fundamentals of the scientific study of language and languages, starting from the analysis of the main structures of natural languages (phonetics and phonology; morphology; syntax; lexicon). The main methods used to classify the world languages (genealogical, typological, areal) will also be illustrated. 2. Introduction to the articulatory phonetics and to the phonetic transcription: outline of the phonetic apparatus; vowels and consonants articulatory classification; segmental and suprasegmental features. Narrow IPA transcription. The phonetic transcription is an essential condition to pass the exam. 3. Genealogical, typologicl and areal classification of the main European languages. This module is specifically devoted to the description and classification of the main European languages, both synchronically and diacronically. A particular focus will aim to the areas characterized by interference phenomena and linguistic convergence (so-called Sprachbünde). 4. The module is aimed at the learning of the correlation between linguistic and social dynamics, in relation to the possible influence of these latter on the former. The study of such a conditioning involves the analysis of some factors generally described as “external”, as opposed to “internal” factors, that is structural ones. Once students have been introduced to the basic notions of the modern sociolinguistics (such as linguistic community, social network, social class, repertoire, communication skills, variations, variables and so on), the module will be devoted to illustrate the intertwining between language and society through a series of case-studies, mostly taken from modern languages.

Testi di riferimento: modulo (1): Gaetano Berruto, Massimo Cerruti, La linguistica. Un corso introduttivo, UTET, Torino, 2017 (2a edizione) (capitoli: 1, 2, 3, 4, 6, 7, 8). modulo (2): Pagine estratte da (tutto il materiale è reperibile su e-learning alla cartella: Linguistica generale > Lettere > curr. moderno): (a) Giancarlo Schirru, La fonetica, in: G. Basile-F. Casadei, L. Lorenzetti, G. Schirru, A.M. Thornton, Linguistica generale, Carocci, Roma, 2010; (b) Pietro Maturi, I suoni delle lingue, i suoni dell’italiano. Introduzione alla fonetica, Il Mulino, Bologna 2006; (c) Tullio De Mauro, Linguistica elementare. Con esercizi e test di verifica, Laterza, Roma-Bari, 2003. modulo (3): Pagine estratte da (tutto il materiale è reperibile su e-learning alla cartella: Linguistica generale > Lettere > curr. moderno): (a) Franco Fanciullo, Introduzione alla linguistica storica, Il Mulino, Bologna, 2007; (b) Nicola Grandi, Fondamenti di tipologia linguistica, Carocci, Roma, 2003; (c) Calvert Watkins, Il proto-indoeuropeo, in: E. Campanile, B. Comrie, C. Watkins, Introduzione alla lingua e alla cultura degli Indoeuropei, Il Mulino, Bologna, 2005. Per lo studio di questo modulo, si consiglia vivamente di consultare una carta geografica dell’Europa. modulo (4): Gaetano Berruto, Prima lezione di sociolinguistica, Bari, Laterza, 2014; Stefania Giannini, Stefania Scaglione, Introduzione alla sociolinguistica, Roma, Carocci, 2003 (capitoli scelti reperibili su e-learning alla cartella: Linguistica generale > Lettere > curr. moderno);(a) Giovanni Tropea, Pronunzia maschile e pronunzia femminile in alcune parlate del messinese occidentale, “L’Italia Dialettale” 26, 1963, pp. 1-29; (b) Paolo Martino, L’affaire Bovesía: un singolare irredentismo, in C. Consani (a c. di), Alloglossie e comunità alloglotte nell’Italia contemporanea: teorie, applicazioni e descrizioni, prospettive. Atti del XLI Congresso internazionale di studi della Società di Linguistica Italiana (Pescara, 27-29 settembre 2007), Roma: Bulzoni, 2009, pp. 251-275; (c) William Labov, The social stratification of (r) in New York City Department Stores, in Sociolinguistics. A Reader, edd. by Nikolas Coupland and Adam Jaworski, Palgrave Macmillan, 1997; (d) Giovanni Ruffino, Parlata agricola e parlata marinara a Terrasini (Palermo), in “Bollettino del Centro di Studi filologici e linguistici siciliani” 12, 1973, 297-307; (e) Giovanni Meo Zilio, Influenze dello spagnolo sull’italiano parlato nel Rio de la Plata, in “Lingua Nostra”, 16, 1955, 16-22; (f) Giovanni Meo Zilio, Fenomeni lessicali dell’italiano rioplatense, in “Lingua nostra”, 16, 53-55.

Elenco delle unità didattiche costituenti l'insegnamento

Docente: ALESSANDRO DE ANGELIS

Orario di Ricevimento - ALESSANDRO DE ANGELIS

GiornoOra inizioOra fineLuogo
Martedì 10:45 12:30Stanza 249, secondo piano (previa prenotazione per l'accesso al DICAM, secondo le attuali restrizioni per emergenza sanitaria). In alternativa, sempre stesso giorno e stessa ora sulla piattaforma Microsoft Teams (mandare prima un messaggio).
Note:
  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti