Scheda Master I livello
MASTER UNIVERSITARIO di I livello in TRAINER DELLE AUTONOMIE INDIVIDUALI
Le famiglie con figli affetti da patologie neurologiche e psichiatriche o disabilità intellettive (ID) ad elevata complessità e multidisciplinarietà lamentano la mancanza di figure altamente qualificate da affiancare ai propri figli, per lavorare sul potenziamento delle autonomie individuali e su tutte le esigenze specifiche che comporta la disabilità neuropsichica. Sul piano divulgativo, le politiche sociali e i mass media si concentrano su due aspetti fondamentali della vita della persona con disabilità: il periodo scolastico e il cosiddetto “dopo di noi”, la transizione dall’età evolutiva all’età 

adulta. Tra queste due fasi c'è un mondo di opportunità di crescita e di apprendimento, attualmente occupato da figure più o meno improvvisate, che si trovano quotidianamente (e per molte ore) accanto alla persona con disabilità, spesso più per sorvegliarla che per impiegarla migliorandone la qualità della vita ed accrescendo le chance di un inserimento effettivo nella società. Vorremmo dunque creare un percorso che formi trainer di autonomie individuali, adattabili alle esigenze peculiari del singolo ragazzo, della famiglia e del contesto in cui si sviluppa la vita quotidiana. Esistono molte figure che lavorano attorno alla persona con disabilità, ognuna con metodi diversi a seconda della propria specifica professionalità (neuropsichiatri, terapisti della neuropsicomotricità dell’età evolutiva, logopedisti, psicologi, insegnanti di sostegno, operatori educativi ex AEC ecc.). Nell’arco della settimana un bambino-ragazzo con disabilità passa in media solo 50 minuti con una o più di queste figure, all’interno di centri o strutture. La quotidianità del ragazzo, poi, è riempita da altre figure, spesso improvvisate e prive di adeguate qualifiche, nonostante l’importanza che rivestono data la quantità di tempo che vi trascorrono insieme. Affiancare una persona con disabilità richiede grande professionalità, conoscenze specifiche,  giusta sensibilità ed elevato spirito di abnegazione.
Occorre una guida sicura a cui affidare la vita speciale dei ragazzi con disabilità, che lavori sul perseguimento di obiettivi specifici, ricamati sulle esigenze altrettanto specifiche e diverse dei soggetti con cui si dovrà intraprendere un percorso. In relazione ai bisogni evidenziati dalle famiglie, il Master ha lo scopo di realizzare un percorso formativo di alta specialità per la gestione di pazienti di età compresa tra 0-18 anni, affetti da patologie neurologiche, psichiatriche o disabilità intellettive (ID), ad elevata complessità e multidisciplinarietà, e delle loro famiglie. Al termine del programma di formazione, i partecipanti avranno sviluppato alcune delle competenze di valutazione, management e networking relative alle principali patologie neurologiche e/o psichiatriche, con o senza disabilità intellettiva, per lo più disabilità complesse (DC) o malattie rare (MR). Avranno sviluppato la metodologia di approccio per il primo intervento nelle condizioni di emergenza-urgenza in persone che presentino, ad esempio, crisi epilettiche, crisi respiratorie, soffocamento o crisi di agitazione psicomotoria, e per la corretta procedura di attivazione della catena di soccorsi. Avranno altresì sviluppato i prerequisiti per la gestione del network di servizi sanitari e/o sociali e/o scolastici che gravitano intorno al paziente disabile e alla sua famiglia, supportando quest’ultima nelle operazioni di coordinamento tra le stesse (programmazione controlli di follow-up, contatti con gli specialisti, rapporti con la scuola e le strutture che accolgono il paziente per attività extrascolastiche, sportive o ludico-ricreative). I partecipanti, infine, acquisiranno consapevolezza di un nuovo approccio per lavorare sul potenziamento delle autonomie divenendo in grado di strutturare un progetto di lavoro ad hoc, in condivisione con il caregiver e con il network all’interno di un modello partecipativo.
Su questa premessa, nell’aprile 2019 in collaborazione con la Fondazione IRCCS Cà Granda – Milano Ospedale Maggiore Policlinico UDCMR Unità per la Disabilità Complessa, Le Malattie Rare e del Neurosviluppo, sotto la direzione scientifica della dott.ssa P. Vizziello, si è tenuto il V° Congresso Italiano Agemo 18 Onlus ( associazione costituita da famiglie con figli affetti da cromosomopatia 18 e altre malattie genetiche rare), nel corso del quale sono state ripercorse tutte le tematiche relative al complesso ed eterogeneo mondo della disabilità neuropsichica nonchè alla reale esigenza delle famiglie di supporto, pratico e psicologico, nella gestione dei loro ragazzi. E’ stato rimarcato l’aspetto estenuante del “lavoro” di un genitore di un bambino/ragazzo con disabilità neurologica e neuropsichiatrica e di quanto una figura competente e qualificata possa alleviare lo stress fisico e psichico da esso scaturente. Ci proponiamo pertanto, in collaborazione con il gruppo della Fondazione IRCCS Cà Granda – Milano, che ha già sperimentato questo percorso formativo, di rimodularlo e riproporlo presso il nostro Ateneo, con l’auspicio di offrire alle Istituzioni sanitarie e sociali della regione Sicilia l’opportunità di usufruire di “nuove” figure professionali, nell’ottica della ottimizzazione e capillarizzazione delle facilities socio- assistenziali.
Profilo professionale e sbocchi professionali e occupazionali:
Il master per la formazione del Trainer per le Autonomie Individuali (T-DAI) consentirà ai partecipanti di acquisire una specificità professionale nell’ambito della disabilità in età evolutiva, oltre al personale percorso formativo pregresso.

Informazioni alta formazione

SEDE: Dipartimento di Patologia Umana dell’Adulto e dell’Età Evolutiva “G. Barresi”
A.A.: 2021/2022
DIRETTORE MASTER: Prof. Gabriella Di Rosa
BANDO: di prossima pubblicazione

Titolo di studio universitario di durata almeno triennale (secondo gli ordinamenti precedenti il D.M.509/99);

  • laurea conseguita ai sensi del D.M. 509/99;
  • laurea conseguita ai sensi del D.M. 270/04;

- titolo di pari valore rilasciato all’estero, riconosciuto idoneo dal CTS corso ai soli limitati fini dell’iscrizione al Master

Obiettivi specifici:
Il Master ha l’obiettivo di formare Trainer delle autonomie individuali (T-DAI), ovvero figure professionali che abbiano piena consapevolezza e competenza per affiancare bambini, adolescenti o giovani adulti con patologie neurologiche e neuropsichiatriche o disabilità intellettive (ID) ad elevata complessità e multidisciplinarietà, collaborando attivamente con il loro contesto familiare e sociale.

La specificità di questa figura professionale è quella di sviluppare un progetto pensato su misura, insieme alla famiglia e all’equipe curante, per ogni singola situazione clinica, che consideri prioritariamente le peculiarità del bambino/ragazzo, della famiglia e del contesto in cui si sviluppa la sua quotidianità.
Il Master si pone l’obiettivo di fornire un metodo di approccio elastico e flessibile che, partendo da solide basi di preparazione, consenta di adattarsi a situazioni diverse e ai diversi momenti e contesti di vita del paziente. Gli ambiti di progettazione del T-DAI saranno quelli del potenziamento delle autonomie individuali, attraverso la formulazione di progetti versatili, ben strutturati e condivisi con gli esperti che si occupano del bambino/ragazzo, anche attraverso l’implementazione e l’utilizzo dei diversi strumenti tecnologici sempre più in via di sviluppo.
Particolare attenzione viene, inoltre, rivolta alla qualità di vita del paziente e della sua famiglia in un'ottica partecipata e Family Centered Care.
 
Obiettivi formativi e di apprendimento:
L’obiettivo ultimo è quello di formare una figura professionale che sappia sia affiancare e  sostenere il bambino/ragazzo e la sua famiglia nei diversi compiti di autonomia e crescita e che possa svolgere un ruolo di coordinamento e networking fra tutti gli specialisti e operatori sanitari e sociali, necessariamente coinvolti nella presa in carico di situazioni ad alta complessità clinica.  L’alta formazione del Master punta, inoltre, alla strutturazione di una professionalità solida che possa essere flessibile e in costante aggiornamento garantendo la tenuta e la continuità dell’intervento con un accompagnamento attraverso le diverse fasi di crescita e sviluppo del bambino/ragazzo.
Per assolvere questo delicato compito con specificità e competenza, il partecipante dovrà acquisire le principali conoscenze di base relative:

  1. Fondamenti del neurosviluppo
  2. Basi neurobiologiche delle principali patologie neurologiche e neuropsichiatriche con o senza disabilità intellettiva associate a disabilità complessa (DC) con/senza ID
  3. Fondamenti su Malattie Rare e genetiche
  4. Fondamenti relativi alle principali comorbidità es. respiratoria, cardiovascolare, renale, gastrointestinale, metabolica, infettiva, traumatologica.
  5. Fondamenti relativi alla compromissione delle abilità relazionali, comunicative e di auto- regolazione, emotivo-affettiva e comportamentale
  6. Fondamenti riguardo alla qualità di vita e alle dinamiche intrafamiliari e interistituzionali
  7. Norme e fondamenti di bioetica e differenze transculturali
  8. Nozioni relative alla normativa che regola i servizi sanitari (esenzioni, certificazioni, piani terapeutici etc)
  9. Nozioni relative alla normativa che regola i servizi sociali e terzo settore.
  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti