Bambini

In alcune situazioni il bambino può trovarsi in difficoltà nel rispondere adeguatamente alle richieste dei contesti quotidiani.
La consulenza psicologica può aiutare a comprendere e gestire le difficoltà presenti ma anche a prevenire quelle future.
L’obiettivo principale è fornire ai genitori un' accurata analisi delle difficoltà del figlio e impostare, se richiesto, un percorso finalizzato al miglioramento della situazione.
Previo accordo con i genitori, porebbe essere utile, in alcuni casi, incontrare gli insegnati soprattutto se il bambino presenta difficoltà nell'ambito scolastico.

I bambini in età prescolare (0-6 anni) possono manifestare difficoltà sul versante linguistico, comportamentale o relazionale, quali:

  • Ritardi o disturbi nell’acquisizione del linguaggio
  • Comportamenti di aggressività verso i pari e gli adulti
  • Scarso rispetto delle regole
  • Ritiro e chiusura
  • Difficoltà di separazione dalle figure genitoriali

I bambini in età scolare (6-12 anni) possono manifestano difficoltà che riguardano l’apprendimento scolastico, il comportamento o gli aspetti emotivo-relazionali, quali:

  • Disturbi specifici dell’apprendimento (DSA) 
  • Disturbi dell’attenzione e iperattività (ADHD) 
  • Difficoltà del comportamento
  • Difficoltà emotive e relazionali  

Dopo un primo colloquio con i genitori, in cui vengono raccolte le informazioni relative alla storia di sviluppo del bambino e alla sua esperienza scolastica, si effettuano alcuni incontri di valutazione con il bambino per approfondirne gli aspetti cognitivi, neuropsicologici, emotivi, comportamentali e relazionali.

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti

Contatti

Per qualsiasi esigenza scrivere a cerip@unime.it
- Volantino informativo