Prospettive

Sbocchi professionali

La figura professionale definita dal CdS in "Scienze dell'Ambiente e della Natura" risponde a una delle esigenze oggi più avvertite dall'Unione Europea i cui atti ufficiali, rifacendosi alla Convenzione di Rio de Janeiro sulla Biodiversità, hanno individuato obiettivi di tutela ambientale che coprono molti aspetti di tipo naturalistico quali “Protection and Conservation of marine Environment”, “Soil”, “Sustainable uses of resources”, “Urban environment”, e hanno avviato la realizzazione della rete “Natura 2000”, la quale sancisce la necessità di mantenere e ripristinare gli habitat che assicurino il mantenimento della biodiversità e la complessità stessa degli ecosistemi. Il Corso di Laurea tende, pertanto, a soddisfare la richiesta di formazione specifica proveniente dai Ministeri, dalle Regioni, dagli Enti locali, dalle aziende, dal sistema dei Parchi e delle Aree protette ad ampia diffusione sul territorio nazionale. Esiste, anche, una significativa domanda di formazione nel settore, che proviene dagli altri Enti pubblici, dal mondo del lavoro, della scuola.
Attività professionali in diversi settori, finalizzati a:
rilevamento, classificazione, analisi, ipristino e conservazione di componenti abiotiche e biotiche di ecosistemi naturali, acquatici e terrestri;
collaborazione scientifica in parchi e riserve naturali, giardini e orti botanici, musei scientifici e centri didattici;
analisi e monitoraggio di sistemi e processi ambientali nelle diverse pianificazioni territoriali, nella prospettiva della sostenibilità e della prevenzione, ai fini della promozione della qualità dell'ambiente;
localizzazione, diagnostica, tutela e recupero dei beni ambientali e Geo- e Bio-culturali.
I laureati in Scienze dell'Ambiente e della Natura possono iscriversi, previo superamento di esame di stato, ad uno o più dei seguenti albi professionali (D.P.R. 05/06/2001 n° 328):
• Biologo junior: Sezione B dell'Ordine dei Biologi.
• Pianificatore junior: Sezione B dell'Ordine degli Architetti, pianificatori paesaggistici e conservatori (settore pianificazione).
• Agrotecnico e Perito Agrario.

Parere delle parti sociali

L'Ateneo di Messina ha promosso svariati incontri e manifestazioni con le Parti Sociali del mondo del lavoro, delle professioni e delle PMI, per una consultazione sull'Offerta formativa proposta adesso nell'ambito dei diversi Dipartimenti. Parallelamente a livello di CdS si è avviata una modalità di confronto con Istituzioni pubbliche e soggetti privati attraverso contatti diretti con i rappresentanti ufficiali e/o mediante la compilazione di questionari specifici che consentissero un periodico screening sull'inserimento occupazionale dei laureati che hanno conseguito il titolo in "Scienze dell'Ambiente e della Natura".
In particolare è stata costante la consultazione dei responsabili degli Enti Parco e delle aree protette della Regione Sicilia, con la Soprintendenza BB.CC.AA, gli Assessorati all'Ambiente, la Sovrintendenza scolastica regionale, l'ARPA Sicilia ed i Musei Naturalistici. Le considerazioni e le osservazioni rilevate hanno permesso di ridurre le criticità nel piano formativo ed individuare alcune modifiche migliorative per l'assetto del nuovo RAD e delle modalità di svolgimento delle attività didattiche privilegiando maggiormente gli aspetti pratici ed operativi dei diversi insegnamenti.

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti

Contatti

Coordinatore: Prof.ssa Concetta Calabrò - ccalabro@unime.it - 090.676.5560
Referente: Nella Paola Faraone - pfaraone@unime.it - 090.676.5475
Indirizzo:
Viale Ferdinando Stagno d'Alcontres, 31 - 98166 Messina

Archivio Offerta Didattica

Seleziona l'anno accademico per consultare le schede corso in archivio.