Obiettivi e percorsi formativi
Il Corso di laurea magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza mira a far acquisire ai laureati una piena conoscenza della cultura giuridica di base nazionale, europea ed internazionale. Al termine del corso di studi i laureati avranno la capacità di produrre testi giuridici (di carattere normativo, negoziale o processuale); le capacità interpretative, di analisi casistica, di qualificazione giuridica, di comprensione, di rappresentazione, e di valutazione, necessarie per affrontare ogni problema giuridico professionale; nonché gli strumenti di base per l'aggiornamento delle proprie competenze.
Struttura del Corso di studi. Il percorso formativo del Corso di laurea in Giurisprudenza è unitario nei primi tre anni di corso, mentre viene differenziato nel biennio conclusivo attraverso la diversificazione delle attività formative affini e integrative. Sono, infatti, previsti sei indirizzi finalizzati alla specializzazione del percorso formativo per consentire al laureato l'acquisizione di competenze e conoscenze specifiche in determinati settori, anche in vista di una successiva formazione professionale post laurea.
Triennio Comune
I Anno. Il primo anno è incentrato sullo studio delle basi del Diritto privato e del Diritto Costituzionale, nonché sulla riflessione filosofica intorno al diritto e sulla origine storica degli ordinamenti giuridici occidentali.
II Anno. Oltre all’approfondimento del Diritto privato e dei principi fondamentali dell’Economia politica, particolare attenzione è dedicata alla dimensione internazionale con lo studio del Diritto dell’Unione europea e del Diritto internazionale.
III Anno. Il terzo anno è caratterizzato da materie giuridiche fondamentali, con lo studio dei principi che regolano l’azione amministrativa, del diritto commerciale, degli aspetti sostanziali del diritto penale, e del diritto del lavoro.
 
Biennio di indirizzo. Nel biennio conclusivo assume un ruolo centrale lo studio del Diritto processuale civile, penale ed amministrativo; e la formazione viene arricchita dallo studio di materie che caratterizzano ogni singolo indirizzo. All’inizio del quarto anno lo studente deve sgegliere tra sei indirizzi:
  1. Indirizzo storico-giuridico, filosofico-giuridico e filosofico-politico;
  2. Indirizzo privatistico;
  3. Indirizzo pubblicistico;
  4. Indirizzo commercialistico-navigazionistico;
  5. Indirizzo internazionalistico, comparatistico e dell'Unione europea;
  6. Indirizzo penalistico.
  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti

Archivio Offerta Didattica

Seleziona l'anno accademico per consultare le schede corso in archivio.