Il corso di studi

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche (ECTS - 2nd Degree in Pharmaceutical Chemistry and Technology o Magistrale Degree in Pharmaceutical Chemistry and Technology) è stato istituito ed attivato nell’A.A.2009-10 (D.M. 270/04) nell’ambito della Classe LM-13 – Farmacia e Farmacia Industriale (DD.MM. 16-03-07) in seguito a trasformazione del Corso di Laurea Specialistica a ciclo unico  in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, attivato nell’A.A. 2001/02 in base alla riforma degli Ordinamenti didattici degli studi universitari (D.M. 509/99), e derivante a sua volta dalla trasformazione del Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche di durata quinquennale istituito presso la Facoltà di Farmacia dell’Università di Messina con D.P.R. N.718 del 11-06-1979 ed attivato nell’A.A. 1980-81. La creazione negli anni ’70 del secolo scorso del Corso di Laurea in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche rappresenta la risposta del sistema universitario italiano alla crescente richiesta di professionisti in grado di operare elettivamente nel settore industriale farmaceutico, considerato il quasi completo  trasferimento  della sede di produzione dei medicinali dall’officina galenica all’industria.

Il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, infatti, condividendo con ilCorso di Laurea Magistrale in Farmacia gli obiettivi formativi della Classe LM-13 – Farmacia e Farmacia Industriale, fornisce al laureato magistrale le basi scientifiche e la preparazione teorica e pratica necessarie all’esercizio, previa abilitazione, della professione di Farmacista nello spazio europeo (direttiva 85/432/CEE), e ad operare quale esperto del farmaco e dei prodotti per la salute  (presidi medico-chirurgici, articoli sanitari, cosmetici, dietetici, prodotti erboristici, prodotti diagnostici e chimico-clinici, ecc.). Inoltre, in analogia ai processi formativi di altri paesi europei, il Corso di Studio è in grado di assicurare quell'insieme di conoscenze e competenze teorico-pratiche in campo chimico, biologico, farmaceutico e tecnologico indispensabili sia per affrontare in ambito industriale farmaceutico l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare di progettazione, produzione e controllo di qualità dei medicinali, sia per operare nell’ambito della ricerca e sviluppo di nuovi farmaci di sintesi o di origine naturale. Il Laureato Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceuticheinoltre può accedere agli esami di Stato per l’iscrizione alla Sezione A dell’Albo professionale dei Chimici (D.P.R. 5 giugno 2001 n.328).

L’algoritmo formativo-professionalizzante del corso di studio enfatizza gli aspetti metodologici atti ad evitare l’obsolescenza delle competenze acquisite. Gli obiettivi formativi sono raggiunti mediante: a) attività formative di base (matematiche, fisiche, chimiche, biologiche, mediche) idonee a sviluppare una solida preparazione scientifica propedeutica alla comprensione ed approfondimento delle discipline caratterizzanti; b) attività formative caratterizzanti (chimico-farmaceutiche, tecnologico-farmaceutiche, biologiche e farmacologiche) necessarie ad acquisire una padronanza delle caratteristiche chimiche e strutturali dei principi attivi di sintesi e di origine naturale, delle forme farmaceutiche e delle materie prime utilizzate nelle formulazioni dei medicinali, nonché le basi farmacologiche del loro meccanismo d'azione ivi inclusi gli aspetti farmaco-terapeutici, tossicologici e di farmacovigilanza; c) attività formative finalizzate alla conoscenza delle norme legislative e deontologiche utili all'esercizio dei vari aspetti dell'attività professionale (immissione in commercio di medicinali, presidi medico-chirurgici; farmaco-economia; diffusione dell'informazione scientifica sul farmaco; etc.); d) attività affini o integrative per completare in modo adeguato la formazione professionale del laureato. Il percorso formativo prevede inoltre che lo studente scelga autonomamente una attività formativa, pari a 8 Crediti Formativi Universitari (CFU) tra quelle suggerite dal Corso di Studio o tra quelle offerte dall'Ateneo, in modo da completare la formazione pratico-professionale.

L’attività didattica è organizzata sulla base di corsi mono-disciplinari che possono essere divisi in moduli didattici coordinati impartiti da uno o più docenti e comunque con un esame finaleunico. Parte dell’attività pratica può essere svolta presso laboratori e centri esterni sotto la responsabilità del titolare del corso, previa stipula di apposite convenzioni. La didattica è erogata in modalità convenzionale ed è di norma semestrale. La frequenza dei corsi delle singole discipline contemplate nel piano degli studi  è obbligatoria ai sensi della direttiva 85/432/CEE e, pertanto, non sono previste forme di esenzione totale dalla partecipazione alle attività formative. I corsi di insegnamento, mono-disciplinari o integrati, le propedeuticità, il numero di esami da superare per l’iscrizione ad anni di corso successivi al primo sono riportati nell’Ordinamento didattico Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche.

Per il conseguimento della Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche lo studente deve aver acquisito 300 crediti formativi universitari (CFU) ripartiti in 60 CFU per ogni anno accademico, ed aver superato ventotto esami, due verifiche e l’esame finale di Laurea Magistrale. La durata del Corso di Studio è di cinque anni accademici, che comprendono un periodo di tirocinio professionale presso una Farmacia aperta al pubblico, o in un ospedale sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico per 30 CFU  ed una tesi sperimentale di Laurea per 20 CFU. A ciascun credito formativo universitario è associato un impegno medio da parte dello studente di 25 ore di lavoro che risultano così suddivise in base alla natura dell'attività formativa: a)Lezioni teoriche, lezioni seminariali di approfondimento, lezioni teorico-pratiche, esercitazioni in aula (L) = 8 ore di didattica frontale e 17 ore di studio individuale; b) Esercitazioni individuali in laboratorio (E) = 12 ore di didattica frontale e 13 ore di studio individuale; c) 25 ore di progetto o di studio individuale per la preparazione dell'elaborato finale; d) 30 ore di tirocinio professionalizzante in base alla nota della Direzione Generale del MIUR prot. n.570 dell’11-03-11. I crediti corrispondenti a ciascuna attività formativa sono acquisiti dallo studente con il superamento dell'esame, o per mezzo di altre forme di verifica del profitto stabilite dal Regolamento Didattico di Ateneo ferma restando la quantificazione in trentesimi per la votazione degli esami ed in centodecimi per la prova finale, con eventuale lode .

Per essere ammessi al corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, incardinato nel Dipartimento di Scienze del Farmaco e dei Prodotti per la Salute (Dipartimento SCIFAR),  occorre essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore di durata quinquennale o di altro titolo di studio conseguito all'estero e riconosciuto equipollente. E' necessario, altresì, il possesso delle conoscenze e competenze previste dal Regolamento Didattico del Corso di Studio. Al fine di assicurare i requisiti di qualità previsti dalle disposizioni legislative vigenti in materia, tenuto conto della necessità di usufruire di laboratori ad alta specializzazione a posto singolo, considerato che la direttiva 85/432/CEE prevede un periodo di tirocinio professionale presso una Farmacia aperta al pubblico o in un ospedale sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico, il Consiglio di Corso di Studio, in base all’art.2 comma 1 (lettere a-b) della legge 2 agosto 1999 n. 264,ravvisa l'esigenza di programmare gli accesi. Il numero di studenti iscrivibili e le modalità di svolgimento della selezione saranno resi pubblici con il relativo Bando di ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico della classe LM-13 – Farmacia e Farmacia Industriale, emanato dall’Università degli Studi di Messina. Le conoscenze e competenze richieste per l'accesso si intendono positivamente verificate con il raggiungimento, nella prova di ammissione al corso di studio a numero programmato, della votazione minima indicata nel bando di concorso. Qualora la verifica non sia positiva, vengono attribuiti  obblighi formativi aggiuntivi (OFA) che si intendono assolti con il superamento dell'apposita prova di verifica che si svolgerà nei giorni indicati nel bando di concorso, o con il superamento dell'esame di Chimica generale ed inorganica. Tale obbligo deve essere assolto entro la data deliberata dagli Organi Accademici e pubblicata sul portale di Ateneo. Il mancato assolvimento dell'obbligo formativo aggiuntivo comporta la ripetizione dell'iscrizione al primo anno di corso.

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche promuove attività ditutorato in itinere  per consentire agli studenti un migliore apprendimento e quindi facilitare il superamento di criticità che sorgessero durante il percorso formativo.

Oltre ai programmi di mobilità europea LLP/Erasmus ed LLP/Erasmus placement, esiste una partnership tra il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche dell'Università di Messina e la Virginia Commonwealth University School of Pharmacy (http://www.pharmacy.vcu.edu/ ) in modo da offrire agli studenti del CdS la possibilità di frequentare laboratori di ricerca all'avanguardia e conoscere allo stesso tempo Sistemi farmaceutici di paesi non europei.

Il Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, individuando tra i propri obiettivi la crescita personale, culturale e professionale degli studenti e il miglioramento della qualità dell'apprendimento, anche in relazione alle esigenze della società, riconosce come propria responsabilità assicurare la qualità del corso di studio e, a questo scopo, adotta un sistema di "assicurazione interna di qualità" garantendo la rispondenza dei risultati raggiunti rispetto agli obiettivi prestabiliti. A tal fine il Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche si avvale di un Gruppo di gestione AQ interno al Corso, e basa l’autovalutazione  sull'analisi di dati significativi che consentano di mettere in luce punti di forza e di debolezza vagliando criticamente il proprio modo di operare e di impegnarsi per il miglioramento continuo del Corso. La rispondenza dei risultanti raggiunti rispetto agli obiettivi indicati prevede la definizione chiara di obiettivi perseguibili, la realizzazione delle azioni pianificate, la verifica del raggiungimento/mancato raggiungimento degli obiettivi mediante Audit interni e  la progettazione di azioni migliorative e/o autocorrettive, con il fine ultimo di garantire la rispondenza tra la durata legale e la durata reale degli studi.

Titolo: 
[7025/2009] - CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE
Classe: 
LM-13 - FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE
Tipo: 
Corso di Laurea magistrale a ciclo unico
Sede: 
DIPARTIMENTO CHIBIOFARAM-POLO ANNUNZIATA Viale SS. Annunziata - Messina
Lingua: 
italiano
Coordinatore: 

Prof.ssa Maria Zappalà

Accesso: 

In base all’art.2 c. 1 (lettere a-b) della legge 2 agosto 1999 n. 264 il numero massimo di studenti che possono essere ammessi al primo anno di corso è fissato in 100 unità, di cui 5 riservate a studenti extra-comunitari dei quali 3 di nazionalità cinese.

Requisiti

Per l’ammissione al Corso di Laurea Magistrale a ciclo unico in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche si richiede il possesso del titolo di scuola secondaria superiore previsto dalla normativa in vigore o di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo dagli organi competenti dell’Università.
Al fine di assicurare i requisiti di qualità previsti dalle disposizioni legislative vigenti in materia, tenuto conto della necessità di usufruire di laboratori ad alta specializzazione a posto singolo, considerato che la direttiva 85/432/CEE prevede un periodo di tirocinio professionale presso una Farmacia aperta al pubblico o in un ospedale sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico, il Consiglio di Corso di Studio, in base all’art.2 comma 1 (lettere a-b) della legge 2 agosto 1999 n. 264, ravvisa l'esigenza di programmare gli accesi. Il numero di studenti iscrivibili e le modalità di svolgimento della selezione saranno resi pubblici ogni anno con il relativo Bando di ammissione ai Corsi di Laurea Magistrale a ciclo unico della classe LM-13 – Farmacia e Farmacia Industriale, emanato dall’Università degli Studi di Messina.

Obiettivi

OBIETTIVI FORMATIVI SPECIFICI
Il curriculum del Corso di Laurea magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, pur perseguendo gli obiettivi formativi qualificanti comuni previsti per i Laureati della Classe LM/13- Farmacia e Farmacia Industriale, è articolato in più momenti formativi interconnessi, per far acquisire al Laureato le conoscenze e competenze multidisciplinari indispensabili per esercitare la professione farmaceutica, preferenzialmente in ambito industriale. Nello specifico, l’insieme delle attività formative previste ha lo scopo di fornire al Laureato: le conoscenze multidisciplinari fondamentali per la comprensione del farmaco, della sua struttura ed attività in rapporto alla loro interazione con le biomolecole a livello cellulare e sistemico; le competenze necessarie nell’attività di preparazione e controllo dei medicamenti; le conoscenze chimiche, biologiche e mediche, tra loro integrate, nonché quelle riguardanti le leggi nazionali e comunitarie che regolano le varie attività del settore, proprie di una figura professionale che, nell'ambito dei medicinali e dei prodotti per la salute in generale, può garantire i requisiti di sicurezza, qualità ed efficacia, richiesti dalle normative
dell'OMS e dalle direttive nazionali ed europee; l’acquisizione del metodo scientifico di indagine applicato in particolare alle tematiche del settore industriale farmaceutico; la conoscenza di almeno una lingua dell'Unione Europea, oltre l'italiano, con riferimento anche ai lessici disciplinari.
Pertanto il quadro delle attività formative prevede la conoscenza degli elementi di matematica, statistica, informatica e fisica, finalizzati all'apprendimento delle discipline del corso (Area delle Attività formative di base nell’ambito delle discipline matematiche, statistiche e fisiche). Nei primi due anni lo studente dovrà conoscere nell’ambito ell’area delle attività formative di base riguardanti le discipline chimiche: la chimica generale e la chimica inorganica; i principi fondamentali della chimica organica, del chimismo dei gruppi funzionali e della stereochimica; gli elementi fondamentali della chimica analitica.
Nell’ambito dell’area delle attività formative di base inerenti le discipline bio-mediche lo studente dovrà conoscere: la biologia della cellula animale; la morfologia del corpo umano in rapporto alla terminologia anatomica e medica; la fisiologia della vita di relazione e della vita vegetativa dell'uomo; gli elementi di microbiologia utili alla comprensione delle patologie infettive, alla loro terapia ed ai saggi di controllo microbiologico; i principi di eziopatogenesi e di denominazione delle malattie umane, con conoscenza della terminologia medica. La conoscenza di elementi di chimica-fisica e dei metodi fisici in chimica organica integrerà le conoscenze di base comuni ai Laureati Magistrali della classe LM-13.
Tali conoscenze, apprese prevalentemente nel biennio, saranno utili per acquisire:
- relativamente all’area delle attività formative caratterizzanti nell’ambito delle discipline chimiche, farmaceutiche e tecnologiche le conoscenze e competenze inerenti :
a) la progettazione e sintesi delle principali classi di farmaci, le loro proprietà chimico-fisiche, il loro meccanismo di azione, nonché i rapporti struttura-attività;
b) le materie prime, anche di origine naturale, impiegate nelle formulazioni dei preparati terapeutici;
c) la analisi chimica dei farmaci, anche in matrici non semplici di origine naturale;
d) la preparazione delle varie forme farmaceutiche sia in forma galenica che in forma di specialità medicinale;
e)le conoscenze di base e avanzate della tecnologia farmaceutica con particolare riguardo ai cicli produttivi industriali, agli impianti di produzione ed al controllo di qualità dei medicinali;
f) i prodotti alimentari,dietetici e nutrizionali, cosmetici, diagnostici e chimico-clinici ed i presidi medico-chirurgici e le tecniche di produzione relative;
-relativamente all’area delle Attività formative caratterizzanti nell’ambito delle discipline biologiche e farmacologiche le conoscenze e competenze inerenti:
g) i vegetali quali fonti biologicamente e biotecnologicamente rinnovabili di farmaci, e la loro importanza farmaco-tecnologica nel ciclo di produzione industriale dei medicinali;
h)la biochimica generale ed applicata, ai fini della comprensione delle molecole di interesse biologico, dei meccanismi delle attività metaboliche e dei meccanismi molecolari dei fenomeni biologici, in rapporto al successivo studio dell'azione dei farmaci;
i) la farmacologia, farmacoterapia e tossicologia, al fine di una completa conoscenza dei farmaci e degli aspetti relativi alla loro somministrazione, metabolismo, azione, tossicità ed interazioni;
j) le norme legislative e deontologiche necessarie all'esercizio dei vari aspetti dell'attività professionale.

Per far sì che le conoscenze si integrino tra loro diventando competenze specifiche, peculiari e caratterizzanti il profilo professionale del Laureato in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, sono previste obbligatoriamente, negli specifici settori disciplinari caratterizzanti, attività pratiche in laboratori ad alto contenuto scientifico-tecnologico. La conoscenze e competenze acquisibili saranno consolidate In osservanza alle direttive Europee attraverso attività esterne come tirocini formativi professionalizzanti presso farmacie aperte al pubblico, o in ospedali sotto la sorveglianza del servizio farmaceutico, per non meno di 30 CFU, nonché soggiorni di studio all'estero secondo accordi internazionali o convenzioni stabilite dall’Ateneo.
 

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI
I risultati di apprendimento attesi, espressi tramite i Descrittori europei del titolo di studio (DM 16/03/2007, art. 3, comma 7) sono:
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding). Iambito della ricerca farmaceutica di base ed applicata.
Il target formativo è pertanto mirato ad offrire al Laureato solide basi culturali utili per affrontare sia il III ciclo di studi universitari che l’inserimento nella professione farmaceutica in ambito territoriale e/o industriale. Gli strumenti didattici elettivi per lo sviluppo di tali conoscenze ed abilità consistono in lezioni frontali e teorico-pratiche tenute dai docenti, supportate da una qualificata e incisiva attività di tutorato in itinere. Sequenzialità e correlazione tra i saperi propri delle attività formative di base, caratterizzanti ed affini rappresentano il criterio per modulare il piano formativo e conseguire quindi i risultati di apprendimento attesi, i quali sono verificati mediante colloqui e/o elaborati scritti.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding). I Laureati del Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, in considerazione del bagaglio di conoscenze teoriche e pratiche acquisite in campo biologico, chimico, medico, farmaceutico e legislativo, devono essere capaci affrontare l'intera sequenza del complesso processo multidisciplinare che dalla progettazione strutturale, porta alla produzione ed al controllo di qualità e stabilità del farmaco nel settore industriale farmaceutico. I Laureati, ai sensi della direttiva 85/432/CEE, devono altresì essere in grado di effettuare preparazioni galeniche e dispensare medicinali nelle farmacie aperte al pubblico e nelle farmacie ospedaliere, e devono possedere le competenze utili all'espletamento professionale del servizio farmaceutico nell'ambito del servizio sanitario nazionale, nonché quelle necessarie ad interagire con le altre professioni sanitarie.  elaborato scritto rappresentano lo strumento di verifica del raggiungimento dei risultati attesi.
I risultati di apprendimento attesi suddividendo l’algoritmo formativo nelle seguenti aree tematiche sono:

AREA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE DI BASE NELL’AMBITO DELLE DISCIPLINE MATEMATICHE, STATISTICHE E FISICHE
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding). Lo studente deve conoscere e comprendere gli elementi di matematica e statistica ed i principi della fisica generale utili alla comprensione delle altre discipline del corso.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding). Lo studente deve essere capace di applicare le conoscenze acquisite nello studio dei fenomeni fisici, chimici e biologici.

AREA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE DI BASE ED AFFINI NELL’AMBITO DELLE DISCIPLINE CHIMICHE
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding).equilibrio chimico e le proprietà dei principali elementi, gli aspetti cinetici e termodinamici della reattività chimica, i principi fondamentali della chimica
organica, il chimismo dei gruppi funzionali, la stereochimica, i principali sistemi carbociclici ed eterociclici, i concetti fondamentali utili per determinare la composizione qualitativa e quantitativa dei sistemi chimici naturali e artificiali, i principi della spettroscopia nei suoi vari aspetti applicativi.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding).analisi di molecole farmacologicamente attive e per la comprensione dei processi biochimici a livello cellulare.

AREA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE DI BASE NELL’AMBITO DELLE DISCIPLINE BIO-MEDICHE
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding). Lo studente deve conoscere e comprendere la struttura e funzione della cellula, la morfologia del corpo umano a livello macro e microscopico, la fisiologia della vita di relazione e della vita vegetativa dell'uomo, la struttura e funzione di batteri, miceti e virus, le nozioni utili di eziopatogenesi delle principali malattie. 
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding).Lo studente deve essere capace di applicare le conoscenze acquisite per la corretta comprensione dell'interazione dei farmaci con gli organismi viventi nella terapia e profilassi delle malattie umane ed animali.

AREA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE CARATTERIZZANTI NELL’AMBITO DELLE DISCIPLINE CHIMICHE, FARMACEUTICHE E TECNOLOGICHE
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding).recettore, le biotecnologie fisiche dei principi attivi per migliorarne assorbimento e biodisponibilità e le strategie tecnologiche per la formulazione e veicolazione dei farmaci, la composizione chimica e proprietà nutrizionali degli alimenti e dei prodotti dietetici.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding).discovery, nel processo di produzione industriale di forme farmaceutiche convenzionali e innovative, di prodotti alimentari e dietetici.

AREA DELLE ATTIVITÀ FORMATIVE CARATTERIZZANTI NELL’AMBITO DELLE DISCIPLINE BIOLOGICHE E FARMACOLOGICHE
Conoscenza e capacità di comprensione (knowledge and understanding). Lo studente deve conoscere le piante medicinali quali fonti rinnovabili di farmaci naturali e di eccipienti, ed i metodi di estrazione, purificazione ed identificazione di molecole biologicamente attive. Deve altresì conoscere e comprendere i processi metabolici ed i
meccanismi di controllo del metabolismo nell’uomo, le metodologie e gli schemi metodologici per lo studio delle biomolecole, le basi cellulari e molecolari dei meccanismi di azione dei farmaci, le caratteristiche farmacocinetiche, le indicazioni terapeutiche e le controindicazioni delle principali classi di farmaci, i principali processi che contribuiscono alla tossicità di un agente chimico o fisico su un organismo animale e le possibili misure protettive/preventive.
Capacità di applicare conoscenza e comprensione (applying knowledgeand understanding).impiego razionale dei farmaci, anche di origine naturale, essendo in grado di valutare la loro efficacia terapeutica, i loro effetti indesiderati e/o la loro potenziale tossicità, sia nella professione farmaceutica per fornire informazioni corrette ed utili ai pazienti, sia per seguire in ambito industriale il complesso iter degli studi connessi allo sviluppo di nuovi farmaci.

○ Autonomia di giudizio (making judgements). I Laureati del Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche, grazie all’apprendimento critico supportato da evidenze sperimentali o dalla letteratura scientifica ed al corretto bilanciamento delle attività formative a carattere teorico e pratico-sperimentale, acquisiscono la capacità di raccogliere, elaborare ed interpretare dati scientifici, bibliografici e/o sperimentali connessi con le molteplici tematiche del settore farmaceutico. La natura sperimentale dell’elaborato finale stimola e consolida la capacità di condurre progetti originali gestendone la complessità scientifica ed organizzativa, incrementa le abilità di lavoro personali e la propensione al lavoro di equipe. Il background culturale multidisciplinare e la propensione all'elaborazione critica mettono i Laureati Magistrali in grado di formulare e proporre riflessioni autonome, non solo sulle problematiche tecnico-scientifiche, ma anche su temi sociali ed etici connessi all'uso dei farmaci. 
Gli strumenti didattici individuati per il raggiungimento di questo obiettivo consistono nello svolgimento di esercitazioni individuali e/o di gruppo e nella realizzazione di un progetto di ricerca oggetto della tesi di Laurea Magistrale, la cui valutazione, per quanto attiene l’originalità della tematica, il rigore metodologico e la correttezza scientifica dell’esposizione, concorre alla verifica del conseguimento dei risultati attesi. 
○ Abilità comunicative (communication skills). I Laureati del Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche acquisiscono abilità comunicative inerenti le tematiche e le problematiche proprie della professione attraverso la consuetudine a scomporre e ricomporre problemi complessi in informazioni semplici e consequenziali; pertanto, devono essere capaci di comunicare efficacemente conoscenze, problemi e soluzioni, in forma scritta e verbale, in modo chiaro, scientificamente corretto ed
appropriato, con interlocutori specialisti all'interno di gruppi di lavoro pertinenti al contesto professionale di riferimento. Devono altresì essere capaci di fornire informazioni e consigli ai pazienti in maniera dialogica utilizzando un linguaggio comprensibile. Tali abilità comprendono anche la capacità di relazionarsi in ambito comunitario ed extracomunitario avvalendosi delle conoscenza scritta ed orale della lingua inglese. 
Le modalità e gli strumenti didattici per conseguire e verificare il raggiungimento di tale obiettivo consistono in attività seminariali inerenti tematiche di ricerca nell’ambito dei settori scientifici caratterizzanti ed in attività professionalizzanti quali il tirocinio, sotto la guida di un docente e/o di soggetti esterni qualificati, e nella richiesta allo studente di relazionare su tali attività, avvalendosi anche di strumenti multimediali.
○ Capacità di apprendimento (learning skills). I Laureati del Corso di Laurea Magistrale in Chimica e Tecnologia Farmaceutiche devono aver sviluppato, attraverso l’acquisizione di un metodo di studio adeguato, le capacità logiche e di apprendimento necessarie per l’aggiornamento continuo delle proprie conoscenze nel campo farmaceutico e per intraprendere, con alto grado di autonomia, studi di livello superiore in ambito comunitario o extracomunitario, avvalendosi in questo ultimo caso delle conoscenza scritta ed orale della lingua inglese.
Pertanto, le attività formative caratterizzanti, la partecipazione a seminari su acquisizioni scientifiche di frontiera, il tirocinio formativo professionalizzante, la realizzazione di un elaborato finale scritto su una tematica di ricerca originale, rappresentano le modalità e gli strumenti didattici idonei per perseguire i risultati attesi, il cui raggiungimento risulta verificabile anche attraverso la valutazione del grado di autonomia raggiunto nello svolgimento di tali attività formative.

Risultati

In analogia ai processi formativi di altri paesi europei il laureato in CTF possiede le basi scientifiche e la preparazione teorica e pratica necessarie per operare nel settore industriale corrispondente, quale esperto del farmaco e dei prodotti per la salute. In particolare  può operare in quei settori professionali che richiedono conoscenze e competenze teorico-pratiche in campo chimico, biologico, farmaceutico e tecnologico ed è in grado di affrontare l'intera sequenza del processo multidisciplinare di progettazione, produzione e controllo di qualità dei medicinali e di operare nell’ambito della ricerca e sviluppo di nuovi farmaci di sintesi o di origine naturale. Con il conseguimento della relativa abilitazione professionale, il laureato in CTF può svolgere, ai sensi della direttiva 85/432/CEE, la professione di farmacista nel settore pubblico e privato; inoltre  può accedere al conseguimento della relativa abilitazione professionale per l’iscrizione alla sezione A dell’albo professionale dei Chimici (D.P.R. 5 giugno 2001 n.328).
 
Il corso prepara alle professioni di (codifiche ISTAT):

  1. Chimici e professioni assimilate - (2.1.1.2.1)
  2. Chimici informatori e divulgatori - (2.1.1.2.2)
  3. Farmacisti - (2.3.1.5.0)
  4. Ricercatori e tecnici laureati nelle scienze chimiche e farmaceutiche - (2.6.2.1.3)

 

  • Segui Unime su:
  • istagram32x32.jpg
  • facebook
  • youtube
  • twitter
  • UnimeMobile
  • tutti

Contatti

Coordinatore: Prof.ssa Maria Zappalà - cdlmctf@unime.it - 090.676.6411
Referente: Rosa Bruno - rbruno@unime.it- 090.676.5550
Indirizzo:
Viale Ferdinando Stagno d'Alcontres, 31 - 98166 Messina

Archivio Offerta Didattica

Seleziona l'anno accademico per consultare le schede corso in archivio.