Youth Megaphone: Secondo Meeting Transnazionale a Messina

Da martedì 14 a venerdì 17 febbraio 2017, si terrà il secondo Meeting Transnazionale a Messina, del progetto “Youth Megaphone: decision-makers of the future” finanziato nell’ambito del programma Erasmus.

Il progetto, valutato in graduatoria al primo posto nel 2015 per l’azione chiave 3 del Programma Erasmus+: Support for policy reform, vedrà, come per lo scorso meeting di luglio 2016, la presenza di 51 partecipanti provenienti da 5 Paesi dell’UE: Spagna, Grecia, Tunisia, Serbia, e Italia (Associazione Bios, Università degli Studi di Messina – Centro Orientamento e Placement, Associazione Culturale NoiEuropa di Napoli).

Il progetto ha l’obiettivo di colmare il vuoto che separa i giovani dalle istituzioni, creando le basi per un rapporto sinergico, interattivo e continuato tra giovani e decisori politici. Proprio in relazione a questo obiettivo specifico i giovani partecipanti, nella realizzazione delle attività progettuali, avranno l'opportunità di sperimentare forme di interazione e cittadinanza attiva, dibattendo insieme ai decisori politici. 

Le attività si svolgeranno presso la Cittadella Universitaria dell’Annunziata gestita dal CusUnime e con la preziosa collaborazione dell’ERSU di Messina.

I partecipanti erasmus, saranno facilitati nelle attività e nel lavoro di analisi dei risultati ottenuti da questionario on-line lanciato in 5 Paesi lo scorso anno, attraverso tecniche di educazione non formale e creative tools, da Giulia Colavecchio Project Coordinator dell’Associazione Bios e Lara Mastrogiovanni Project Director dell’Assoicazione Working in Progress di Lecce.

I Topic trattati dal progetto sono e dal questionario on-line sono: disoccupazione giovanile, cittadinanza attiva, istruzione non-formale e informale.

Giovedì 16 febbraio 2017, alle ore 15.00 presso l’Aula Cannizzaro dell’Università degli Studi di Messina, verranno presentati e discussi i risultati del questionario, con l’obiettivo contribuire a migliorare la vita personale e professionale dei giovani al fine di incrementare la loro competitività nel mercato del lavoro e colmare il gap che separa i giovani dalla politica.

Argomenti Correlati