• Laurearsi

    La Seconda Sessione di Laurea per l'Anno Accademico 2016/2017 (aprile 2018) si svolgerà nei giorni 6 e 7 aprile 2018.

    Giorno 6 aprile alle ore 9:00 si svolgeranno la prova pratica e scritta presso l'Aula "La Fauci" al primo piano della Torre Biologica.
    Giorno 7 aprile alle ore 9:00 si terrà la discussione delle tesi di laurea presso l'Aula Magna "Teti" della Torre Biologica.

  • Studiare

    La frequenza alle lezioni è obbligatoria.
    Le attività didattiche si articolano in lezioni frontali ed eventualmente anche in esercitazioni, laboratori e  seminari.  Il  Corso di Studi Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche favorisce  lo  svolgimento  di  seminari  pluridisciplinari  che consentano agli studenti di mettere a confronto conoscenze e metodologie. Il Corso di Studi può prevedere esperienze di didattica in modalità “e-learning”.
    I singoli anni di Corso si suddividono in due periodi didattici, definiti semestri, stabiliti con delibera del Consiglio  di  Dipartimento,  sulla  base  del  Calendario  d’Ateneo.  Tali  periodi  sono  separati  da  un congruo intervallo, al fine di consentire l’espletamento degli esami di profitto. Gli insegnamenti hanno di norma cadenza semestrale.

  • Iscriversi

    L’ammissione al Corso di Studi Magistrale in Scienze delle Professioni Sanitarie Tecniche Diagnostiche  richiede: che i candidati che siano in possesso di una Laurea della Classe delle Lauree in Professioni Sanitarie Tecniche (Area tecnico-diagnostica): - Tecniche di Laboratorio Biomedico (abilitante alla professione di Tecnico di Laboratorio Biomedico); - Tecniche Audiometriche (abilitante alla professione di Audiometrista); Tecniche di Radiologia Medica, per Immagini e Radioterapia (abilitante alla professione di Tecnico di Radiologia Medica); - Tecniche di Neurofisiopatologia (abilitante alla professione di Tecnico di Neurofisiopatologia); o di altro titolo di studio conseguito all’estero ritenuto equipollente (art.6,c.2, D.M. 509/99) e coerente con l’obiettivo del corso di laurea specialistica (art,5,c.3, D.M. 2 Apr. 2001).
    I Diplomi, conseguiti in base alla normativa precedente, dagli appartenenti alle professioni sanitarie di cui alle leggi 26 Febbraio 1999 n.42, 10 Agosto 2000 n.251, sono validi ai fini dell’accesso alla Laurea Specialistica, ai Master ed agli altri Corsi di formazione post-base di cui al Decreto del Ministro dell’Università, della Ricerca Scientifica e Tecnologica 3 Novembre 1999 n.509, attivati dall’Università (Legge 8 Gennaio 2002 n.1, art. 1, comma 10). Il numero di Studenti ammessi al CdSM SPSTD è stabilito in base alla programmazione nazionale ed alla disponibilità di Personale docente, di strutture didattiche (aule, laboratori) e di strutture assistenziali utilizzabili per la conduzione delle attività di stages, coerentemente con le raccomandazioni dell'Unione Europea, applicando i parametri e le direttive predisposti dall’Ateneo e dal Dipartimento.
    Il numero programmato di accessi al primo anno di corso è definito ai sensi dell'art. 3, c.2 della Legge 264 del 2 settembre 1999 (“Norme in materia di accesso ai corsi universitari”).