Dettaglio Gara
  • ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI ARREDI TECNICI E ATTREZZATURE PER LE ESIGENZE DEI LABORATORI DIDATTICI E DI RICERCA DELLA (ex) FACOLTA’ DI SCIENZE MMFFNN IN C.DA PAPARDO

    Data Pubblicazione: 2017-07-14 00:00:00
    Data Scadenza: 2017-09-19 12:59:00
    Data prima seduta pubblica: 2017-09-20 10:00:00
    Importo (iva esclusa): € 5.956.054

Informazioni di dettaglio gare

AVVISO - Si comunica che nelle Faq sono stati pubblicati dei chiarimenti alla gara in oggetto
AVVISO - Si comunica che in data odierna sono state pubblicati nelle Faq ulteriori chiarimenti
Descrizione Documento
Provvedimento autorizzativo - delibera C.d'A. del 01/02/17 prot.n 16531 del 03/03/17 20170711155020DELIBERA_01_02_17.pdf
Disciplinare di gara 20170711155114Disciplinare_di_gara.pdf
Capitolato Speciale d'Appalto 20170711155924PRS1EAT_CSA000100___Capitolato_Speciale_di_Appalto.pdf
Modulo A.1 - Istanza di partecipazione 20170711160944Modulo_A_1_Istanza_di_partecipazione.pdf
Modulo A.2 - Dichiarazione sostitutiva 20170711161055Modulo_A_2_Dichiarazione_sostitutiva.pdf
Modulo A.3 - Dichiarazione di idoneità morale 20170711161222Modulo_A_3_Dichiarazione_idoneit_morale.pdf
Modulo A.3.1 - Dichiarazione eventuali cessati 20170711161328Modulo_A_3_1_Dichiarazione_eventuali_cessati.pdf
Modulo A.4 - Dichiarazione CCIAA 20170711161512Modulo_A_4_Dichiarazione_CCIAA.pdf
Modulo A.4.1 - Elenco forniture 20170711161633Modulo_A_4_1_Elenco_forniture.pdf
Modulo A.5 - Dichiarazione Protocollo di Legalità 20170711161826Modulo_A_5_Dichiarazione_Protocollo_Legalit_.pdf
Modulo A.6 - Dichiarazione Pantouflage 20170711162516Modulo_A_6_Dichiarazione_Pantoflage.pdf
Modulo A.7 - Dichiarazione di conformità 20170711162643Modulo_A_7_Dichiarazione_di_conformit_.pdf
DGUE - Modello editabile 20170711163123Modello_di_formulario_DGUE_editabile.doc
Modulo C. 2 - Modulo offerta esecuzione forniture 20170713092306Modulo_C_2_Offerta_esecuzione_forniture.pdf
DUVRI 20170713092650002_DUVRI_AQ_arredi_Lab_.pdf
Planimetria DUVRI 20170713092745003_Planimetria_DUVRI_Arredi_Lab.pdf
Computo metrico 20170714093805PRS1EAT_CMG000100_Computo_metrico.pdf
Elenco elaborati 20170714104410PRS1EAT_EEG000100_Elenco_elaborati.pdf
Elenco prezzi 20170714104444PRS1EAT_EPG000100_Elenco_prezzi.pdf
Quadro di incidenza della manodopera 20170714104513PRS1EAT_IMG000100_Quadro_di_incidenza_della_Manodopera.pdf
Relazione illustrativa Accordo Quadro 20170714104540Relazione_illustrativa_Accordo_Quadro.pdf
Edificio A pianta piano primo 20170714111027PRS1EAT_P1A000120_Pianta_piano_primo.pdf
PRS1EAT_P1A000740 - Pianta LAB A1_A1_b1_20-22 20170714111541PRS1EAT_P1A000740_Pianta_LAB_A1_A1_b1_20_22.pdf
PRS1EAT_P1A000840 - Pianta LAB A1_A1_c1_17 20170714111616PRS1EAT_P1A000840_Pianta_LAB_A1_A1_c1_17.pdf
PRS1EAT_P1A000940 - Pianta LAB A1_A1_c1_17-b 20170714111653PRS1EAT_P1A000940_Pianta_LAB_A1_A1_c1_17_b.pdf
PRS1EAT_P1A001040 - Pianta LAB A1_A2_a1-2 20170714111737PRS1EAT_P1A001040_Pianta_LAB_A1_A2_a1_2.pdf
PRS1EAT_P1A001140 - Pianta LAB A1_A2_a1-3 20170714111814PRS1EAT_P1A001140_Pianta_LAB_A1_A2_a1_3.pdf
PRS1EAT_P1A001240 - Pianta LAB A1_A2_b1-1_b1-2 20170714111909PRS1EAT_P1A001240_Pianta_LAB_A1_A2_b1_1_b1_2.pdf
PRS1EAT_P1A001340 - Pianta LAB A1_A2_b1-3 20170714111939PRS1EAT_P1A001340_Pianta_LAB_A1_A2_b1_3.pdf
PRS1EAT_P1A001440 - Pianta LAB A1_A2_b1-4 20170714112024PRS1EAT_P1A001440_Pianta_LAB_A1_A2_b1_4.pdf
PRS1EAT_P1A001540 - Pianta LAB A1_A2_c1-5_c1-6 20170714112106PRS1EAT_P1A001540_Pianta_LAB_A1_A2_c1_5_c1_6.pdf
PRS1EAT_P1A001640 - Pianta LAB A1_A2_d1-1_d1-2 20170714112136PRS1EAT_P1A001640_Pianta_LAB_A1_A2_d1_1_d1_2.pdf
PRS1EAT_P1A001740 - Pianta LAB A1_A2_d1-3_d1-4_d1-5_d1-6 20170714112217PRS1EAT_P1A001740_Pianta_LAB_A1_A2_d1_3_d1_4_d1_5_d1_6.pdf
PRS1EAT_P1A001840 - Pianta LAB A1_A3_1-11 20170714112300PRS1EAT_P1A001840_Pianta_LAB_A1_A3_1_11.pdf
PRS1EAT_P1A001940 - Pianta LAB A1_b1-14 20170714112418PRS1EAT_P1A001940_Pianta_LAB_A1_b1_14.pdf
Edificio A pianta piano secondo 20170714113001PRS1EAT_P2A000120_Pianta_piano_secondo.pdf
PRS1EAT_P2A002040 - Pianta LAB A2_A2_c2-3_c2-5_c2-6_c2-7 20170714113030PRS1EAT_P2A002040_Pianta_LAB_A2_A2_c2_3_c2_5_c2_6_c2_7.pdf
PRS1EAT_P2A002140 - Pianta LAB A2_A2a2-1-3-4-5 20170714113104PRS1EAT_P2A002140_Pianta_LAB_A2_A2a2_1_3_4_5.pdf
PRS1EAT_P2A002240 - Pianta LAB A2_A2a2-6-7-8-9-10-11 20170714113138PRS1EAT_P2A002240_Pianta_LAB_A2_A2a2_6_7_8_9_10_11.pdf
PRS1EAT_P2A002340 - Pianta LAB A2_A2b2-1-2 20170714113212PRS1EAT_P2A002340_Pianta_LAB_A2_A2b2_1_2.pdf
PRS1EAT_P2A002440 - Pianta LAB A2_A2b2-3_A2b2-4 20170714113239PRS1EAT_P2A002440_Pianta_LAB_A2_A2b2_3_A2b2_4.pdf
PRS1EAT_P2A002540 - Pianta LAB A2_A3_2-2_2-3-5-6-7 20170714113306PRS1EAT_P2A002540_Pianta_LAB_A2_A3_2_2_2_3_5_6_7.pdf
Edificio A pianta piano terzo 20170714114155PRS1EAT_P3A000120_Pianta_piano_terzo.pdf
PRS1EAT_P3A002640 - Pianta LAB A3_A2a3_1-2 20170714114226PRS1EAT_P3A002640_Pianta_LAB_A3_A2a3_1_2.pdf
PRS1EAT_P3A002740 - Pianta LAB A3_A2a3-12-13-14-15-16-17-19- 20170714114303PRS1EAT_P3A002740_Pianta_LAB_A3_A2a3_12_13_14_15_16_17_19_.pdf
PRS1EAT_P3A002840 - Pianta LAB A3_A2b3_9-10-11-12-13 20170714114341PRS1EAT_P3A002840_Pianta_LAB_A3_A2b3_9_10_11_12_13.pdf
PRS1EAT_P3A002940 - Pianta LAB A3_A2b3_16-17-18-19-20-23-24- 20170714114407PRS1EAT_P3A002940_Pianta_LAB_A3_A2b3_16_17_18_19_20_23_24_.pdf
PRS1EAT_P3A003040 - Pianta LAB A3_A2c3_2-3 20170714114605PRS1EAT_P3A003040_Pianta_LAB_A3_A2c3_2_3.pdf
PRS1EAT_P3A003140 - Pianta LAB A3_A2c3_10-11-20-21-22-23 20170714114628PRS1EAT_P3A003140_Pianta_LAB_A3_A2c3_10_11_20_21_22_23.pdf
PRS1EAT_P3A003240 - Pianta LAB A3_A2c3-4-6-7-8 20170714114654PRS1EAT_P3A003240_Pianta_LAB_A3_A2c3_4_6_7_8.pdf

Pagine

  • D:

    Il punto A.4.b del Disciplinare di gara (Capacità Economica e Finanziaria) recita: “L’operatore economico dovrà dimostrare di possedere Fatturato minimo annuo pari al valore stimato per l’accordo quadro”, e richiede come mezzo di prova “una dichiarazione […] concernente il fatturato annuo globale, nonché il fatturato specifico relativo agli ultimi 2 esercizi (2015-2016) […]”. Dal momento che l’accordo quadro ha una durata temporale di 2 anni (come stabilito all’Art. 2 del succitato Disciplinare), si chiede conferma che il requisito richiesto al punto A.4.b debba essere calcolato considerando la durata totale dell’accordo. Si chiede inoltre conferma che debba essere calcolato sulla media degli ultimi 2 esercizi.

    R:

    Si evidenzia che ai sensi del Disciplinare il fatturato minimo "annuo" deve essere pari al valore stimato per l'accordo quadro.

  • D:

    Si richiede di specificare il termine ultimo entro il quale la campionatura deve essere installata e messa a disposizione della stazione appaltante.

    R:

    La campionatura deve essere installata e messa a disposizione della Stazione Appaltante entro e non oltre il termine ultimo di scadenza della presentazione delle offerte e cioè ore 12:30 del 19.09.2017.

  • D:

    Si richiede la conferma che la campionatura dovrà essere installata presso locali di nostra scelta purché all’interno del comune di Messina.

    R:

    I concorrenti devono allestire la campionatura dei prodotti, ai fini della valutazione dell'offerta, a propria cura e spese, presso locali siti esclusivamente nel Comune di Messina.

  • D:

    Si richiede l’invio del modulo DGUE in formato editabile (Word) e in lingua inglese

    R:

    Si precisa che tutta la documentazione di gara deve essere redatta in lingua italiana. Il DGUE è già presente in formato editabile fra la documentazione di gara pubblicata sul sito istituzionale dell'Ateneo.

  • D:

    Considerando che l’accordo quadro avrà durata biennale dalla stipula del contratto, si chiede di chiarire se il “fatturato minimo annuo” può essere riferito alla metà dell’importo totale a base d’asta (quindi a metà di € 5.956.053,75)

    R:

    Si evidenzia che ai sensi del Disciplinare il fatturato minimo "annuo" deve essere pari al valore stimato per l'accordo quadro.

  • D:

    Qualora vi fosse la necessità di avvalersi del requisito di “capacità economica finanziaria” di altro operatore appartenente allo stesso gruppo, ma non partecipante direttamente e/o in RTI, si richiede:

    a)      se è sufficiente presentare una dichiarazione relativa al requisito di cui si intende avvalersi, con relativa tempistica;

    b)      far compilare il DGUE anche all’operatore che “presta” il requisito (come indicato sul documento stesso);

    c)       far compilare i moduli A.2 e A.4.1 anche all’operatore che “presta” il requisito.

    R:

    a) L'operatore economico che vuole avvalersi delle capacità di altri soggetti deve allegare la documentazione di cui all'art. 89 del D.Lgs 50/2016 e s.m.i.

    b) Si

    c) Se l'ausiliario presta soltanto il requisito di "capacità economica finanziaria" deve compilare il mod. A.2 come previsto dall'art. 89 D.Lgs 50/2016 e s.m.i. e non il mod. A.4.1 relativo alle "capacità tecniche e professionali".

  • D:

    Che cosa si intende con la frase “l’operatore economico[…] idoneo dalla stazione appaltante.” a pagina 7 del disciplinare?

    R:

    L'operatore economico, che per fondati motivi non è in grado di presentare le referenze chieste dall'Amministrazione aggiudicatrice, può provare la propria capacità economica e finanziaria mediante la presentazione dei bilanci o di estratti di bilanci di cui alla lettera b) dell'allegato XVII al D.Lgs 50/2016 e s.m.i., relativi agli ultimi due esercizi (2015-2016), dai quali risulti comunque il fatturato minimo annuo, anche nel settore di attività oggetto dell'appalto, previsto come requisito dal Disciplinare di gara.

  • D:

    Si richiede conferma che l’elenco delle principali forniture effettuate sia riferito agli ultimi 3 anni come da pag. 7 del Disciplinare di gara e, in caso affermativo si richiede conferma che l’allegato A.4.1 riporta una dicitura scorretta poiché riferito al biennio 2015-2016.

    R:

    Si conferma che l'elenco delle principali forniture si riferisce all'ultimo triennio e l'all. A.4.1 riporta erroneamente biennio, da intendersi triennio.

  • D:

    Qualora vi fosse la possibilità di avvalersi del requisito di “possesso del certificato ISO 14001” di altro operatore appartenente allo stesso gruppo, ma non partecipante direttamente e/o in RTI, che consente la riduzione della cauzione provvisoria di un ulteriore 20% rispetto all’importo indicato a pag. 8 del disciplinare di gara, si richiede se è sufficiente presentare una dichiarazione relativa al requisito di cui si intende avvalersi.

    R:

    Quando oggetto dell'avvalimento è la certificazione di qualità di cui la concorrente è priva, occorre, ai fini dell'idoneità del contratto, che l'ausiliaria metta a disposizione dell'ausiliata l'intera organizzazione aziandale, comprensiva di tutti i fattori della produzione e di tutte le risorse, che, complessivamente considerata, le ha consentito di acquisire la certificazione di qualità da mettere a disposizione. La qualità risulta, infatti, inscindibile dal complesso dell'impresa che rimane in capo all'ausiliaria (Consiglio di Stato, sez. v, 27.07.2017 n. 3710).

  • D:
    1) poiché la scrivente intende chiedere l’avvalimento di un requisito (capacità economico – finanziaria) ad operatore economico estero, si riscontra da parte di quest’ultimo, l’impossibilità di rispondere ad alcuni dei punti indicati all’interno del Modulo A.2 di cui la vs. spettabile amministrazione chiede la compilazione. In particolare:
    c) che l’impresa  ha tenuto conto nella formulazione dell’offerta delle condizioni contrattuali, degli obblighi e degli oneri relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove deve essere effettuato il servizio;
    d) che l’impresa accetta, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e prescrizioni contenute nel disciplinare di gara e nel capitolato speciale d’appalto;
    e) di non incorrere nella causa interdittiva di cui all’art. 35 del D.L. n. 90/14, convertito in Legge 11 agosto 2014 n. 114;
    g) che l’impresa ha effettuato il sopralluogo obbligatorio dei luoghi oggetto dell’appalto (a pena di non ammissione, deve essere allegato all’istanza di partecipazione, unitamente alla documentazione di rito di cui al presente disciplinare, l’attestato di avvenuto sopralluogo che sarà rilasciata nei modi e nei termini di cui all’art. 4.1 del disciplinare di gara);
    h) che l’impresa ha preso visione del Piano di Sicurezza/DUVRI redatto dal committente e allegato alla documentazione di gara (punto A.5) del disciplinare di gara, che viene sottoscritto per presa visione ed accettazione, nonché di aver tenuto conto, nel predisporre l’offerta, degli obblighi relativi alle norme in materia di sicurezza sul lavoro, valutando i costi dei rischi specifici della propria attività;
    i) che l’impresa si impegna, in caso di aggiudicazione, ad assumere gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge n. 136/2010;  
    l) che l’impresa si impegna, in caso di aggiudicazione, a far rispettare al proprio personale impegnato nell’appalto in oggetto le disposizioni del codice di comportamento dei dipendenti pubblici di cui al DPR 62/2013;
    m) che l’impresa ha richiesto e ottenuto il documento PASSOE;
    n) che l’impresa  autorizza l’invio di tutte le comunicazioni attinenti la presente gara al seguente indirizzo   PEC ______________________________;
    in quanto questi punti non ci sembrano pertinenti con l’istituto dell’avvalimento, ma più con una RTI e ribadendo che il suddetto operatore non partecipa al procedimento ed è un operatore estero.
    
    R:

    Si precisa che – ai sensi dell’art. 89 del D.LGS. 50/2016 e s.m.i, l’ausiliario deve presentare una dichiarazione sottoscritta attestante il possesso da parte di quest’ultimo dei requisiti generali di cui all’art. 80, nonché il possesso dei requisiti tecnici e delle risorse oggetto dell’avvalimento.
    Pertanto, le parti del Mod. A.2 non pertinenti con l’oggetto dell’avvalimento, possono essere cassate.

  • D:
    con riferimento al requisito “capacità tecniche e professionali” e al relativo modello da compilare A.4.1 si richiede conferma che non sono indicati gli importi minimi delle forniture eseguite. 
    R:

    Si conferma che non sono previsti importi minimi delle forniture.

  • D:
    poiché la scrivente intende chiedere l’avvalimento di un requisito (capacità economico – finanziaria) ad operatore economico estero, si riscontra da parte di quest’ultimo, l’impossibilità di rispondere ad alcuni dei punti indicati all’interno del Modulo A.2 di cui la vs. spettabile amministrazione chiede la compilazione. In particolare:
    c) che l’impresa  ha tenuto conto nella formulazione dell’offerta delle condizioni contrattuali, degli obblighi e degli oneri relativi alle disposizioni in materia di sicurezza, di assicurazione, di condizioni di lavoro e di previdenza e assistenza in vigore nel luogo dove deve essere effettuato il servizio;
    d) che l’impresa accetta, senza condizione o riserva alcuna, tutte le norme e prescrizioni contenute nel disciplinare di gara e nel capitolato speciale d’appalto;
    e) di non incorrere nella causa interdittiva di cui all’art. 35 del D.L. n. 90/14, convertito in Legge 11 agosto 2014 n. 114;
    g) che l’impresa ha effettuato il sopralluogo obbligatorio dei luoghi oggetto dell’appalto (a pena di non ammissione, deve essere allegato all’istanza di partecipazione, unitamente alla documentazione di rito di cui al presente disciplinare, l’attestato di avvenuto sopralluogo che sarà rilasciata nei modi e nei termini di cui all’art. 4.1 del disciplinare di gara);
    h) che l’impresa ha preso visione del Piano di Sicurezza/DUVRI redatto dal committente e allegato alla documentazione di gara (punto A.5) del disciplinare di gara, che viene sottoscritto per presa visione ed accettazione, nonché di aver tenuto conto, nel predisporre l’offerta, degli obblighi relativi alle norme in materia di sicurezza sul lavoro, valutando i costi dei rischi specifici della propria attività;
    i) che l’impresa si impegna, in caso di aggiudicazione, ad assumere gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla Legge n. 136/2010;  
    l) che l’impresa si impegna, in caso di aggiudicazione, a far rispettare al proprio personale impegnato nell’appalto in oggetto le disposizioni del codice di comportamento dei dipendenti pubblici di cui al DPR 62/2013;
    m) che l’impresa ha richiesto e ottenuto il documento PASSOE;
    n) che l’impresa  autorizza l’invio di tutte le comunicazioni attinenti la presente gara al seguente indirizzo   PEC ______________________________;
    in quanto questi punti non ci sembrano pertinenti con l’istituto dell’avvalimento, ma più con una RTI e ribadendo che il suddetto operatore non partecipa al procedimento ed è un operatore estero.
    
    R:

    Si precisa che  - ai sensi dell'art. 89 del D.LG, l'ausiliario deve presentare una dichiarazione sottoscritta attestante il possesso da parte di quest'ultimo dei requisiti generali di cui all'art. 80, nonchè il possesso dei requisiti tecnici e delle risorse oggetto dell'avvalimento.

    pertanto, le del Mod. A.2 non pertinenti con l'oggetto dell'avvalimento, possono essere cassate.

  • D:
    con riferimento al requisito “capacità tecniche e professionali” e al relativo modello da compilare A.4.1 si richiede conferma che non sono indicati gli importi minimi delle forniture eseguite. 
    R:

    Si conferma che non sono previsti importi minimi delle forniture

  • D:

    Cosa comporta una certificazione EN 13150 posseduta separatamente per alzata tecnica e struttura (pag. 30 CSA)

    R:

    Ai sensi dell’art. 33 del C.S.A. “Punteggi per la valutazione dell’Offerta Tecnica (Elementi qualitativi” sono valutate positivamente le alzate tecniche e le strutture in possesso di separate certificazioni EN 13150. Tale requisito si considera posseduto se l’alzata tecnica e la struttura sono accompagnate da certificazione unica, ai sensi della EN 13150, purchè da questa si evinca la sua validità in riferimento sia all’insieme banco più alzata che, singolarmente, al banco ed all’alzata.
    Sono ammesse alzate e struttura che possiedono unica certificazione, ma di tale circostanza si terrà conto nell’attribuzione dei relativi punteggi.

  • D:
    Cosa deve intendersi con il termine ala/trave porta servizi?
    R:

    Le diciture “ala / trave” sono da intendersi come termini generici e di uso comune atti ad identificare moduli porta servizi appartenenti a differenti categorie ciascuno con proprie caratteristiche costruttive, ma con lo stesso sistema di ancoraggio richiesto da Capitolato che è quello a soffitto.

  • D:
    E’ possibile proporre in sede di gara cappe chimiche che utilizzino inverter o VAV?
    R:

    Il Capitolato tecnico indica la preferenzialità per cappe ad elevato risparmio energetico ed in grado, comunque, di garantire le prestazioni richieste con la minima portata di estrazione, senza l’utilizzo di inverter o VAV, pur garantendo i parametri minimi indicati per l’indice di contenimento interno, secondo quanto prescritto dalla norma EN 14176, parte 6.
    Tuttavia tale preferenzialità non dà luogo ad attribuzione di punteggio, come risulta dalla lettura dell’art. 33 del C.S.A.

  • D:
    Quali certificazioni devono essere prodotte in sede di gara relativamente alle cappe?
    R:

    Ai sensi dell’art. 8 del Capitolato tecnico (allegato al CSA) nella busta riguardante la “Documentazione tecnica” andranno inseriti, per le cappe: a) le certificazioni rilasciate da Ente terzo, riconosciuto in ambito europeo, secondo le norme EN 14175 punti 1, 2, 3, 6 corredate dai test report emessi dal produttore.
    Non possono essere ritenuti validi i test report non accompagnati da certificazione emessa da parte di ente esterno riconosciuto in ambito europeo.

  • D:
    Come deve intendersi la prescrizione di cui all’art. 8 del Capitolato tecnico (pag. 55 del CSA) nella quale si richiede che “Lo sviluppo in lunghezza (orizzontale) del piano di lavoro dovrà essere equivalente all’ingombro della cappa (con tolleranza consentita del 4%), quindi la cappa da cm.180 non potrà presentare un piano di lavoro inferiore a cm. 173 (espresso per arrotondamento), inclusa la zona di accesso alla cappa.
    Il piano della cappa dovrà essere in piastra unica, quindi non saranno accettate giunzioni in corrispondenza delle spalle laterali per aumentare la dimensione del piano in lunghezza”.
    
    R:

    In un’ottica di massimizzazione dei piani di lavoro e, al contempo, della minimizzazione degli ingombri totali delle cappe, a volte inserite in ambiti ristretti, il C.S.A. prevede che la lunghezza libera del piano di lavoro sia calcolata sulla base della larghezza totale della cappa (1800 mm) cui vanno sottratti i montanti laterali che, per esigenze di utilizzabilità da parte di più operatori, non possono restringere eccessivamente l’area di lavoro. Il mantenimento al di sotto del valore limite indicato nel C.S.A. in 173 cm non è preclusivo, ma preferenziale, tant’è che all’art. 33 è prevista l’attribuzione di maggiore punteggio per la valutazione dell’offerta tecnica (“si preferiscono banchi con superficie di lavoro più ampie e con profondità totale maggiore”).

  • D:
    Nel Capitolato Tecnico all’Art. 6 BANCHI DA LABORATORIO - BANCHI LAVELLO (pag. 48 del CSA) viene richiesto per i banchi lavello che i miscelatori vengano posizionati sul piano di lavoro. Si chiede se è possibile posizionare il miscelatore sull’alzata tecnica per garantire una migliore pulizia del piano stesso lasciando la superficie del piano completamente libera da ostacoli.
    R:

    Il Capitolato Tecnico prescrive il posizionamento sul piano di lavoro di miscelatori e rubinetti non accettando, in nessun caso, il posizionamento degli stessi sui sistemi porta servizi. Ciononostante, occorre precisare che il termine “sistemi porta servizi” va inteso come sistema portante un insieme plurimo di servizi (forza motrice, gas tecnici, ecc) al fine di evitare possibili criticità derivanti da rottura o perdita delle tubazioni idriche in prossimità soprattutto di alimentazioni elettriche. Si ritiene, pertanto, possa essere accettato il posizionamento di miscelatori e/o rubinetti sull’alzata tecnica esclusivamente in assenza, nell’alzata stessa, di tubazioni o utenze elettriche, purché questa sia certificata ai sensi della norma EN 13150. 2.

  • D:
    Nel Capitolato Tecnico all’Art. 6 BANCHI DA LABORATORIO - MODULO TECNICO PORTASERVIZI (pag. 49 CSA) viene richiesto che le pozzette vengano poste sui pannelli delle alzate tecniche, ma poi viene indicato che non saranno accettate soluzioni con pozzette integrate nell’alzata. Cosa si intende? Si chiede se è possibile proporre il pannello vaschetta integrato nell’alzata tecnica e privo di sporgenze.
    R:

    A chiarimento del quesito proposto si conferma la possibilità di inserire le pozzette sui pannelli delle alzate tecniche; si evidenzia, al riguardo, che le suddette pozzette debbono essere inserite in elementi non portanti dell’alzata tecnica onde garantire sempre, nel tempo, la modificabilità degli attrezzaggi dell’alzata stessa. Si ribadisce la necessità di certificazione per l’alzata tecnica ai sensi della norma EN 13150. 3.

  • D:
    Nel Capitolato Tecnico all’Art. 6 BANCHI DA LABORATORIO - MODULO TECNICO PORTASERVIZI (pag. 49 CSA) viene indicato che saranno preferite soluzioni con piani di profondità utile superiore ai 75 cm pur mantenendo la profondità totale del banco. Si chiede se la fascia posteriore porta servizi posizionata al livello del piano di lavoro possa essere considerata come estensione del piano stesso.
    R:

    Il capitolato tecnico prescrive valori di profondità minima e massima per ogni tipologia di banco, ciò al fine di garantire gli standard operativi minimi di lavoro e la congruità rispetto alle dimensioni dei locali interessati dalla fornitura in oggetto. Lo stesso documento non da indicazioni in merito allo specifico quesito; si ritiene, ad ogni buon conto, che la fascia posteriore porta servizi, posizionata al livello del piano di lavoro, può essere considerata come estensione del piano stesso, purché garantisca la sicurezza degli operatori. Si ribadisce, altresì, quanto indicato nel capitolato tecnico, ovvero che la dimensione di 75 cm è da considerarsi, comunque, minima mentre sono da preferire soluzioni con piani di profondità utile superiore ai 75 cm ed entro al massimo di 90 cm ±5%.

Identificativo Gara: 17418

  • Identificativo Lotto: 17933
    CIG: 71259296A2
    Oggetto: ACCORDO QUADRO PER LA FORNITURA DI ARREDI TECNICI E ATTREZZATURE PER LE ESIGENZE DEI LABORATORI DIDATTICI E DI RICERCA DELLA (ex) FACOLTA’ DI SCIENZE MMFFNN IN C.DA PAPARDO
    Data inizio:
    Data fine:
    Modalità: 01-PROCEDURA APERTA
    Ragione sociale:
Descrizione Documento
D.D. nomina seggio di gara D.D. Seggio di gara.pdf